scarica l'app
MENU
Chiudi
05/06/2019

Un governo Lega, Fd’I ed ex M5s?

ItaliaOggi - DOMENICO CACOPARDO

Troppi timonieri, almeno due e mezzo, non possono governare un gozzo né un transatlantico
Salvini sta a guardare. Il problema è tutto pentastellato
Ne abbiamo viste tante da quando abbiamo ottenuto, negli anni '40 l'età della ragione (anche parziale). Dal passaggio elettorale di re Umberto II in macchina scoperta per le strade d'Italia, agli assalti delle Brigate Rosse, agli eccidi di mafia. Agli scandali più ripugnanti e (per fortuna) agli eroismi di tanti italiani conosciuti e sconosciuti, nei vari fronti in cui si esercitava e si esercita l'attività più etica che esista: il lavoro. Quello che non avevamo visto (e nella storia della Repubblica è la prima volta) era un premier che, attaccando i partiti della coalizione di governo, apre una crisi virtuale di cui è impossibile prevedere il percorso e l'esito. Normalmente, i primi ministri hanno ritenuto, sempre, che tra i loro compiti ci fosse quello di lavorare per la coesione delle forze politiche alleate, organizzando, nei momenti critici dell'attività politica, i vertici riparatori, in cui venivano delibate le mosse del futuro. Questo, tuttavia, è l'ultimo dei problemi dei quali gli italiani dovrebbero occuparsi. Il primo, più grave e dirompente è nei gruppi parlamentari del Movimento 5Stelle. Dopo la batosta europea (5 milioni di voti perduti, in un contesto altamente astensionista) e l'emergere della prospettiva di nuove elezioni, deputati e senatori grillini si sono resi conto che per molti di essi, almeno la metà, non ci sarà più posto in un prossimo Parlamento. Il limite di due mandati previsto dal loro «statuto-non statuto» non ha rilevanza particolare, visto che, nel caso, la legislatura sarebbe stata prematuramente interrotta e, quindi, sarebbe facile al «capo» stabilire una deroga. Il malessere che attraversa gli eletti 5Stelle è un magma indistinto che, tuttavia, si sta coagulando intorno a due sole ipotesi: subire la rottura con la Lega e lo scioglimento delle camere; organizzare un'area di «responsabili», analoga a quella partorita da Forza Italia dopo la rottura del Patto del Nazareno e che permise al governo Renzi di andare avanti sino al dicembre 2016 (sconfi tta nel referendum costituzionale). I nuovi «responsabili» intenderebbero nascere e uffi cializzarsi per costituire la gamba mancante a un'ipotesi di governo Salvini- Meloni, in modo da andare avanti sino alla fi ne della legislatura. C'è un motivo preciso, procedurale e costituzionale per questa istituzionalizzazione: Sergio Mattarella, richiamandosi alla Costituzione, ha affermato più volte e, in particolare, un anno fa, in occasione della formazione del governo Conte che non avrebbe mai dato l'incarico a chi non fosse espressione di una coalizione (o di un partito) che disponesse di una maggioranza parlamentare. E, quindi, uno schieramento Lega-Fratelli d'Italia, transfughi 5Stelle organizzati, disporrebbe di maggioranza nella Camera dei deputati e nel Senato della Repubblica. La situazione del Movimento 5Stelle, quindi, appare, nei corridoi parlamentari e nelle anticamere ministeriali, prossima al collasso. Se volessimo cercarne le ragioni, potremmo trovarne tante, ma una soprattutto sembra fondamentale: l'illusorietà del progetto politico, un po' illuminista un po' nichilista di quel «dottor Stranamore» che fu Gianroberto Casaleggio. L'«uno vale uno», la democrazia del web, cioè senza rappresentanza, la politica fatta sulle indicazioni degli aderenti (salvo manipolazioni), rappresentano gli aspetti di un'utopia destinata, è fatale, a trasformarsi in tirannide o a collassare rovinosamente. Questo è il momento di Salvini, naturalmente. Un uomo capace di entrare in sintonia con il « sentiment» di molti italiani, mercé messaggi chiari ed elementari, facilmente percepibili e condivisibili. Oggi, peraltro, il leader leghista, mentre continua la sua martellante campagna che mette allo scoperto i lati deboli dei compagni di governo, sembra più propenso ad aspettare che a trarre le logiche conclusioni dal ribaltamento dei rapporti di forza e dalla crisi grillina. Ho ascoltato con le mie orecchie un esponente di Forza Italia, voglioso di entrare nel mondo leghista, riferire che per il momento Salvini non gradisce l'arrivo di transfughi in soccorso del vincitore. La sua strategia diventa evidente, palpabile se esaminiamo la giornata di lunedì. All'appello di Conte, rivolto a entrambi i partiti, ma soprattutto a lui (in un implicito, ma maldestro soccorso all'amico Di Maio ), la Lega ha risposto ribadendo i propri termini di rettifica del decreto sbloccacantieri ancora in ballo a Palazzo Chigi. L'emendamento della Lega intende introdurre una deroga alle procedure del Codice degli appalti per le opere inferiori a 200 mila euro, in sostanza quelle di pertinenza degli enti locali e che rappresentano oltre l'80% dei possibili affi damenti. Un emendamento cui i 5Stelle hanno sbarrato il passo (dopo una iniziale «distrazione») per motivi prima di tutto ideologici e poi politici (vista la loro fl ebile e decadente presenza negli enti locali). Ora sembra che si sia raggiunto un compromesso, della cui tenuta saranno giudici le prossime 48 ore. Così Salvini non mollerà di un millimetro sulle sue richieste e, caduto nel nulla l'appello di Conte, sarà Di Maio a dover trarre le conseguenze entrando in confl itto con il suo stesso partito, in cui gruppi parlamentari, come abbiamo visto, aborrono lo scioglimento delle camere. Su questo panorama incombono due fattori risolutivi e cruciali per il paese e per il suo futuro. L'economia, cioè l'eccesso di debito e l'eccesso di defi cit, e l'Unione europea che non consentirà il suicidio politico-economico-fi nanziario della terza nazione della comunità (ormai fuori dalla triade di comando, ora composta da Germania, Francia e Spagna) e il conseguente aprirsi di un'altra crisi epocale nel continente. La complessità dei fattori e la fl uidità delle posizioni dei protagonisti rendono perciò i prossimi due mesi i più critici della storia della Repubblica, persino più critici del 60 (governo Tambroni) e di Tangentopoli. Troppi timonieri, almeno due e mezzo, non possono governare un gozzo né un transatlantico: perciò occorre che presto, prestissimo, al Paese sia restituita una guida. Possibilmente autorevole e responsabile. www.cacopardo.it © Riproduzione riservata