scarica l'app
MENU
Chiudi
02/06/2019

Trani, spiagge urbane a metà Bottaro: “Sarà l’ultima estate”

La Repubblica - Cenzio Di Zanni

L'erosione ha mangiato gran parte della costa che va dalla Villa comunale all'ansa di Capo Colonna Ma l'appalto per il riempimento andrà in porto solo a novembre. Il sindaco: "Un grande intervento"
Trani - L'autorizzazione c'è. Ma, a Trani, per vedere i nuovi ciottoli sulle quattro spiagge del tratto urbano - dalla Villa comunale fino all'ansa a sudovest di Capo Colonna, passando per il lungomare Cristoforo Colombo - bisognerà aspettare ancora. L'estate 2020, se tutto va come deve. Almeno secondo i piani di Palazzo di città. Prima di allora, i nuovi ciottoli destinati a rimpiazzare quelli spazzati via dall'erosione - «lavori di ripascimento», li chiamano i tecnici - resteranno solo sulla carta. «Il via libera da parte della Provincia è arrivato qualche giorno fa e la fase delle autorizzazioni è ormai in dirittura di arrivo», chiarisce il sindaco Amedeo Bottaro.
Con la gara d'appalto per circa un milione e mezzo di euro di fondi ministeriali che, però, arriverà dopo l'estate ormai alle porte. «Entro novembre», assicura il primo cittadino. Che spiega: «Si tratta di un grande intervento di riqualificazione del litorale urbano, una situazione bloccata da tempo che va verso la definizione. Ora, una volta chiusa la fase delle autorizzazioni, dovremo prima annullare la gara già sospesa proprio per la mancanza di tutti i permessi, poi procedere al nuovo bando». Ed ecco che, anche quella 2019, sarà un'estate a metà da quelle parti. Con la battigia, nel tratto urbano del lungomare, ridotta a una sottile lingua di ciottoli.
È così ai piedi del muro di contenimento della Villa comunale. Dove, carte alla mano, arriveranno oltre settemila metri cubi di ciottoli per quasi 300 metri di lunghezza e 15 di larghezza. «Al fine di consentire l'immediata fruibilità della spiaggia in tutta la sua estensione», si legge nella determina firmata da Vincenzo Guerra, il dirigente del Settore ambiente della Provincia Bat. Mentre nel tratto di costa successivo, verso levante, il progetto prevede altri duemila metri cubi di ciottoli per 90 metri di lunghezza. E per impedire alle correnti di fare piazza pulita della nuova spiaggia, i tecnici del Comune hanno previsto massi calcarei per 380 tonnellate.
Altra zona, altro intervento: lungomare Cristoforo Colombo, in direzione Bisceglie. Lì, quando i lavori saranno completati, arriverà una spiaggia lunga 180 metri e larga 15.
Oggi è rendering. Come l'ultimo intervento, a Capo Colonna. «È l'ansa a sudovest del Monastero, che si vede sulla sinistra salendo verso il sito», chiarisce il sindaco. Altri tremila metri cubi di ciottoli dovrebbero bastare, secondo i calcoli dei tecnici, a mettere su una (vera) spiaggia.
Mentre a proteggerla dall'erosione, sempre in agguato, lì come lungo tutte le spiagge interessate dai lavori, penseranno 75 sacchi sommersi a circa 70 centimetri dal pelo dell'acqua. Tutti in materiale biocompatibile, tutti pieni di sabbia e ciottoli. Il futuro è d'obbligo. «Intanto da oggi sarà aperto il lido Mongelli, sempre a Colonna», rintuzza Bottaro. È l'ultimo dei quattro lidi affidati in concessione dal Comune, un'iniziativa che il sindaco appunta come fiore all'occhiello.
L'ultimo dopo il lido Baia del pescatore della stessa zona, e dopo gli altri due stabilimenti aperti nella scorsa stagione su concessione del Comune: Matinelle e Marechiaro. «Così si chiude il primo capitolo della riqualificazione della costa», commenta l'assessore all'Ambiente, Michele Di Gregorio. «Ma solo il 40 per cento di quei lidi è stato concesso ai privati, mentre il restante 60, come vuole la legge, resta ad accesso libero. Anzi, i privati - continua l'assessore - si devono fare carico della pulizia di tutta l'area, con e senza ombrelloni. E anche del salvamento».
Per il resto, appuntamento al 2020.
I punti e spiagge Quattro quelle interessate dai lavori di ripascimento, tutte comprese nel tratto urbano della costa, fra la Villa comunale e Capo Colonna.
Via libera dalla Provincia a gara Il Comune conta di appaltare la gara entro novembre.
Le spiagge saranno pronte solo per l'estate 2020. Da oggi aperto l'ultimo lido dato in concessione

Foto: kColonna La spiaggia sull'ansa di Capo Colonna com'è attualmente (in alto) e un rendering di come sarà dopo la sistemazione dei nuovi ciottoli