MENU
Chiudi
26/10/2018

Spazi pubblicitari la gara d ‘ appalto sospesa dal Tar

La Sicilia

ACCOLTO RICORSO DI DUE DITTE
Il Tar di Palermo ha accolto la domanda cautelare presentata dalle ditte Pma srl e Alessi per l ' aggiudicazione degli spazi pubblicitari effettuata dal Comune per la collocazione di impianti per l ' affissione privata e ha sospeso l ' efficacia di tutti gli atti della gara. Il 26 febbraio ci sarà la trattazione di merito del ricorso. Le due hanno partecipato alla gara e hanno avuto assegnati alcuni spazi pubblicitari in due delle 9 microzone in cui è stata suddiviso il territorio; le altre 7 microzone sono state assegnate ad altri concorrenti. Ma già alla fine della gara il rappresentante della " Alessi " Tommaso Marchese aveva espresso perplessità sul metodo attuato per l ' assegnazione degli spazi. Aveva dichiarato e messo a verbale che " nella gara è prevista l ' assegnazio ne delle aree in base al più alto rialzo percentuale sul canone, ma, in considerazione del fatto che nessuna offerta presenta un progetto di collocazione degli impianti, il canone ad oggi non è determinabile. Infatti a fronte di un ' offerta con un rialzo elevato potrebbe determinarsi il caso di collocazione di impianti di piccolo formato con canone complessivamente più basso rispetto altri apparati che hanno presentato un rialzo più basso " . Aveva eccepito anche che nelle offerte non si diceva se l ' au mento offerto era comprensivo o meno dell ' Iva. Successivamente la ditta Alessi e anche la Pma (quest ' ultima è difesa dall ' avv. Massimo Dell ' Utri) hanno presentato ricorso al Tar e hanno chiesto l ' annullamen to di tutte le operazioni di gara sostenendo che tutti gli atti predisposti debbono ritenersi nulli per i motivi espressi in sede di gara e per altri ancora. Hanno chiesto inoltre in via incidentale la sospensione dell ' esecuzione dell ' aggiudicazione della gara in attesa dell ' esame di merito del ricorso presentato. Ora il Tar ha rilevato che sussistono i motivi per accogliere la richiesta di sospensione dell ' aggiudicazione della gara affermando che " appare quantomeno fondata la censura proposta avverso la prescrizione del bando che impone a ciascun concorrente di offrire la medesima percentuale di aumento per tutte le gare " . LUIGI SCIVOLI

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore