MENU
Chiudi
12/10/2018

Sos medici al pronto soccorso Scatta la corsa contro il tempo

Gazzetta di Mantova - Roberto Bo

Il bando dell'ospedale è scaduto ieri a mezzanotte: arrivate le prime domande In organico ne mancano quattro. Il primario: «Assunzioni prima dell'influenza» i problemi della sanità
Roberto BoPotrebbe essere vicina la soluzione alla grave carenza di medici al pronto soccorso del Carlo Poma, reparto che ormai da mesi affronta le quotidiane emergenze sanitarie con un organico ridotto. Ieri sera a mezzanotte è scaduto il bando di concorso per tre posti a tempo indeterminato di dirigente medico nella disciplina di medicina e chirurgia d'accettazione e d'urgenza bandito dall'Asst di Mantova all'inizio di settembre per il reclutamento di camici bianchi al pronto soccorso dell'ospedale.L'ufficio risorse umane ieri non ha giustamente voluto rendere noto il numero delle domande finora pervenute perché il bando non era ancora scaduto. In ogni caso c'è interesse da parte di alcuni medici che aspirano ad entrare a fare parte dello staff del primario Mario Luppi.Ma prima di esultare ci sarà da attendere la valutazione dei requisiti di ammissione e soprattutto attendere il giorno del concorso per verificare l'effettiva partecipazione dei medici che hanno fatto domanda. Cosa per nulla scontata, visto che nei mesi scorsi l'Asst aveva fatto più di un tentativo attraverso concorsi a tempo determinato e indeterminato ai quali non sempre chi si era iscritto si è poi presentato per affrontare le prove d'esame.La carenza d'organico al pronto soccorso del Carlo Poma si trascina da mesi. Attualmente mancano quattro medici. All'inizio dell'estate ne mancano sei: uno è stato reclutato dietro la sua richiesta di trasferimento dalle Cure Palliative, il secondo è arrivato questa settimana dal pronto soccorso dell'ospedale di Asola.Nella remota ipotesi in cui non al bando scaduto ieri non dovesse presentarsi nessuno, l'azienda socio sanitaria territoriale ha già pronto il piano B: l'apertura di un avviso per un incarico a tempo determinato con un allargamento delle maglie di partecipazione, ovvero consentendo l'iscrizione al concorso anche a chi non è in possesso della specializzazione richiesta nel bando a tempo indeterminato.«L'azienda sta facendo di tutto per reclutare i medici necessari al pronto soccorso del Poma - sottolinea il primario Mario Luppi - soprattutto in previsione della stagione invernale dove le richieste di prestazioni in genere aumentano. Dei sei medici mancanti, al momento siamo riusciti a reclutarne due e confidiamo di poterne assumere altri nel concorso che scade in queste ore. Colgo l'occasione per ringraziare pubblicamente tutti i miei collaboratori che in questi mesi hanno lavorato duramente e con grande professionalità riuscendo ad affrontare una situazione di carenza d'organico non certo facile». -- BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore