MENU
Chiudi
05/09/2018

Slitta il piano per la sicurezza al parcheggio del Versilia

Il Tirreno

La società milanese Gpe ha fatto ricorso al Tar dopo aver perso l'appalto Il maxi-progetto con 31 telecamere non potrà partire ad ottobre come previsto ospedale
Matteo Tuccini/ lido di camaioreStop al piano per aumentare la sicurezza nel parcheggio dell'ospedale Versilia. La società milanese Gpe servizi integrati, che aveva in mano la gestione dell'area di sosta ma l'ha persa nella gara d'appalto per il rinnovo, ha fatto ricorso al Tribunale amministrativo della Toscana. In pratica si ferma tutto: il maxi-progetto con 31 telecamere per garantire la sorveglianza dell'intera zona - parcheggio lato ingresso principale e lato pronto soccorso - non potrà partire ad ottobre come previsto. di cosa si parlaDal 2014 il parcheggio dell'ospedale è gestito da privati, che incassano i ticket per la sosta e con i proventi garantiscono la vigilanza. Il contratto di affidamento che era stato fatto in maniera temporanea alla società milanese Gpe dall'allora direttore generale Brunero Baldacchini era scaduto. E quindi bisognava fare una nuova gara. Che pochi mesi fa è stata vinta dalla cooperativa pisana Tirrenica Mobilità. Il progetto della coop pisana, che già gestisce l'area sosta dell'ospedale di Cisanello, è stato ritenuto il migliore dalla commissione Asl: a quel punto la Tirrenica Mobilità si è impegnata a versare all'Asl i 51.625 euro richiesti all'anno per la concessione, per una durata di sei anni. Totale di incasso, 309.750 euro. Il progettoLa Tirrenica Mobilità aveva proposto l'installazione di 31 nuove telecamere ad alta definizione, più 2 per la lettura delle targhe. Nel piano anche un tecnico a disposizione per 3 ore al giorno. Verrebbe fornito anche un sistema di pagamento senza biglietto per il parcheggio, oltre al biglietto tradizionale. La vigilanza dovrebbe essere garantita da 10 addetti, che a turno copriranno una fascia oraria più ampia di quella richiesta dall'Asl. Che aveva preteso dalle aziende aspiranti una sorveglianza dalle 7 alle 20, dal 1º gennaio al 31 dicembre, da affidare a 2-3 operatori. Rispetto a questo orario, si legge nella relazione della commissione di gara, dovrebbero esserci 29 ore in più: in pratica si dovrebbe garantire anche la sorveglianza notturna. L'obiettivo era far partire tutto a ottobre.lo stalloLa società Gpe, però, ha presentato ricorso al Tar contro il risultato della gara, chiedendo la sospensione cautelare della procedura. Sarà il tribunale a decidere se sospenderla o meno, in attesa della sentenza sul merito della questione. Al momento si blocca tutto. Per difendersi in questa controversia l'Estar (l'ente regionale che cura le gare d'appalto nel sistema sanitario) ha chiesto il supporto dell'avvocato civilista fiorentino Gaetano Viciconte, già consulente in passato della Viareggio Porto. La spesa prevista per l'assistenza legale sarà di oltre 10mila euro. - BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore