scarica l'app
MENU
Chiudi
19/01/2019

Rifiuti, il gran ritorno di Daniele Fortini dall’Asia alla Sapna

La Repubblica - alessio gemma

La nomina
L'ex manager dell'azienda di igiene urbana che gestì nel 2008 la crisi dei cumuli in strada firma consulenza con la società ex Provincia
Per il ciclo dei rifiuti a Napoli si tratterebbe di un ritorno al futuro. Daniele Fortini, ex amministratore di Asia, l'azienda di igiene urbana del Comune, colui che ha gestito nel 2008 la crisi dei cumuli in strada, è stato contattato per un incarico in Sapna, la società della Città metropolitana che si occupa dello smaltimento nei 90 comuni del napoletano. Per Fortini si profila un incarico di consulenza per la "pianificazione aziendale". «Ok, vi posso dare una mano», sarebbe stata la risposta dell'ex ad di Asia, che lasciò Napoli nel 2014 per andare a guidare l'Ama, l'azienda dei rifiuti di Roma. Più volte in questi anni era ventilato il nome di Fortini per un ritorno a Napoli. Ma questa volta le parti sarebbero vicinissime: il manager già presidente di Federambiente, potrebbe firmare già la prossima settimana l'incarico di consulenza. In Sapna si soffre l'assenza di un direttore tecnico ormai da novembre, da quando Andrea Abbate è stato coinvolto nell'ultima inchiesta della Procura sui rifiuti che ha acceso i riflettori sul sistema degli appalti tra i Comuni e l'azienda dell'ex Provincia. Era rimbalzato anche il nome di Fortini proprio per la poltrona di direttore: uno scenario poco plausibile vista la sua nomina nelle ultime ore alla presidenza di Lazio Ambiente, partecipata della Regione Lazio. In realtà tra Sapna e Fortini si va configurando un rapporto di collaborazione in un momento di svolta per il ciclo in Campania.
Perché vanno realizzati impianti di compostaggio a partire da Napoli, le gare per trasportare le frazioni umida e secca vanno deserte. E il risultato sono prezzi alle stelle e impianti intermedi, gli Stir, sovraccarichi. In più bisogna fare i conti con le attività di manutenzione dell'inceneritore di Acerra. Per non parlare delle immancabili tensioni della politica intorno ai nuovi assetti che vedono le competenze trasferite dalle ex Province ai Comuni organizzati in Ato, ambiti territoriali.
Ben tre sono gli Ato in cui è divisa la Provincia di Napoli. Che fine farà la Sapna? Non tutti i tre ambiti sarebbe d'accordo nell'affidarsi alla società della Città metropolitana. «Bisogna far funzionare il sistema - avrebbe confidato Fortini ai suoi referenti su Napoli - la questione degli Ato è decisiva anche a livello nazionale con la nascita della nuova autorithy». Sul tavolo c'è uno studio per la riorganizzazione della Sapna redatto dalla Federico II. Fortini ripartirebbe da quella traccia.
E dall'intesa coltivata anche a distanza in questi anni col capo di gabinetto di de Magistris, Attilio Auricchio. -

Foto: Manager Daniele Fortini, ex amministratore di Asia, l'azienda di igiene urbana del Comune che nel 2008 ha gestito la


Foto: crisi dei cumuli in strada, è stato contattato per un incarico in Sapna, la società della Città metropolitana che si occupa dello smaltimento in 90 Comuni