scarica l'app
MENU
Chiudi
17/06/2019

Raffale Cantone I primi due posti nel quadriennio …

Il Mattino

Raffale Cantone
I primi due posti nel quadriennio 2014/2018 vengono occupati, senza particolare sorpresa, da Calabria e Sicilia (rispettivamente con più di 600 imprese interdette la prima e circa 580 la seconda); segue a distanza la Campania (con 250 imprese) e subito dopo Emilia Romagna (180) e Lombardia (160) e poi, quasi ex aequo, Puglia e Piemonte (entrambe poco sopra le 100).
Se teniamo presente che questi numeri riguardano quasi esclusivamente le imprese che operano nel settore degli appalti pubblici al di sopra di una certa soglia, è legittimo azzardare che i dati effettivi potrebbero essere persino più ampi, se analoghe verifiche venissero effettuate anche per quegli operatori che agiscono nel settore privato o che si occupano solo di piccoli appalti. Ovviamente fra le entità attinte da interdizione c'è un po' di tutto; ci sono soprattutto realtà medie e piccole, ma non mancano anche soggetti di dimensioni più significative. Se si ipotizza un numero di 10 dipendenti per ognuna di queste entità, si può apprezzare quante persone sono interessate in attività economiche ritenute infiltrate dalle mafie, soggetti che è bene ricordarlo - finiscono per essere (quasi sempre) esse stesse vittime delle organizzazioni criminali, perché sono quelli che, alla fine, perdono il posto di lavoro per il venir meno delle commesse pubbliche.
L'aspetto più preoccupante che consegue a questa analisi è, però, nella conferma, a questo punto inequivocabile, del cambiamento in atto delle mafie; sparano di sicuro meno (anche se non dovunque, perché a Napoli si spara e si ammazza ancora tanto), ma penetrano sempre più il sistema economico e soprattutto si insinuano con sempre maggiore intensità in territori fino a pochi anni fa considerati, in modo troppo semplicistico ed indulgente, immuni da questi fenomeni. I numeri si prestano ovviamente anche e, direi soprattutto, ad una lettura positiva; dimostrano in modo indiscutibile come le barriere stiano facendo argine, grazie ad un grande impegno e ad una particolare sensibilità delle prefetture del Paese e delle forze dell'ordine, a cui bisogna essere indiscutibilmente grati. Rendono evidente, infine, come non si possa affatto abbassare la guardia e l'attenzione rispetto e certi fenomeni, a differenza di chi pensa e nell'ultimo periodo lo dice con sempre più forza - che i controlli siano un fastidio o peggio ancora un fattore che impedisce gli affari. L'esame di questi numeri dimostra che i controlli hanno certamente impedito gli affari soprattutto, però, delle organizzazioni mafiose.
© RIPRODUZIONE RISERVATA