MENU
Chiudi
06/11/2018

«Non spesi 295mila euro per le strade»

Il Centro

Montorio, l'opposizione punta il dito su Facciolini: «Ha fatto asfaltare una sola via con altri fondi»
MONTORIO I consiglieri comunali di "Montorio Avanti Insieme", Andrea Guizzetti e Paolo Sacchini , tornano sul tema degli interventi per la manutenzione delle strade comunali e sul decoro urbano, sollecitando di nuovo l'amministrazione e il sindaco Ennio Facciolini ad avviare il piano ereditato per i lavori di manutenzione straordinaria delle strade di Montorio e delle sue frazioni. I due consiglieri sono preoccupati «per la fine che faranno i 295mila euro lasciati in eredità dalla passata amministrazione per il ripristino delle strade dissestate e ancora non utilizzati». Inoltre temono si stiano creando debiti fuori bilancio «a causa di lavori di manutenzione e decoro già effettuati, alcuni da qualche mese, per i quali non si vede traccia di atti che ne attestino l'impegno di spesa e la copertura finanziaria, a dimostrazione di una reiterata mancanza di trasparenza amministrativa». Quanto ai 295mila euro per le strade, i consiglieri scrivono: «Apprendiamo della sistemazione e rifacimento dell'asfalto della sola via Quirino Celli per mezzo di altri fondi, 13mila euro, che sono stati inseriti distraendo in pratica risorse del Bim e comunali che potevano invece essere utilizzate per altre necessità, e ce ne sono tante altre nel nostro paese, quando invece quella zona già rientra nel piano straordinario finanziato dal mutuo della Cassa depositi e prestiti a disposizione del Comune». Guizetti e Sacchini continuano: «Lascia perplessi l'intervento esclusivo in una sola via di Montorio, e non si capisce perché in tutte le altre non si avviano i lavori, tenendo conto che con l'approssimarsi della stagione invernale i disagi per la viabilità aumenteranno». "Montorio Avanti Insieme" poi rileva come l'attuale amministrazione sia «sofferente verso le più trasparenti gare d'appalto. Non c'era assolutamente la necessità di fare un affidamento diretto come avvenuto in questo caso, bastava dare corso alla gara d'appalto per il piano già finanziato, ed il lavoro di via Quirino Celli sarebbe partito ugualmente, con gli stessi tempi e senza alcuna problematica». Guizzetti e Sacchini infine rilevano: «Abbiamo assistito a diversi interventi di manutenzione che oltre ad essere stati eseguiti senza una logica programmatica, di equità e parità di trattamento territoriale, ma forse seguendo più una logica elettorale, continuano ad essere realizzati senza un controllo attento della spesa pubblica. Tutto ciò ci preoccupa molto».

Foto: Il consigliere Paolo Sacchini

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore