MENU
Chiudi
25/07/2018

Mense, stop antimafia alla ditta che ha vinto con il massimo ribasso

La Stampa - mazzuca, martinengo

gli accertamenti sono stati richiesti dal comune
Non c'è pace per le mense torinesi. Dopo le polemiche per l'appalto vinto con un maxi-ribasso, per la Ristorart di Prato, che avrà in gestione in servizi nelle Circoscrizioni 3 e 6, arriva una interdittiva antimafia. Secondo la prefettura di Prato «sussistono elementi che fanno ritenere concreto il pericolo di tentativi di infiltrazione mafiosa tendenti a condizionarne le scelte e gli indirizzi» della società. L'interdittiva antimafia poggia sugli esiti dell'inchiesta Johnny, coordinata dalla Dda di Catanzaro, che ha svelato come il Cara calabrese fosse utilizzato come una sorta di bancomat dalle cosche crotonesi. A richiedere i nuovi accertamenti è stato il Comune di Torino in base alle norme del codice degli appalti. «Ci difenderemo in tutte le sedi opportune contro questo provvedimento, che riteniamo, infondato ed illogico» fanno sapere i vertici della Ristorart. P. 44

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore