scarica l'app
MENU
Chiudi
05/06/2019

Massafra (Cgil) “Così si sblocca soltanto la corruzione”

La Repubblica - Lucio Cillis

L'intervista
roma - Giuseppe Massafra, segretario confederale Cgil: la sua posizione sullo "Sblocca cantieri" ha attirato le ire del ministro degli Interni Salvini, pronto alla querela.
«Si torna pericolosamente indietro. Il sistema degli appalti diventa una giungla senza regole e a farne le spese saranno i lavoratori, ma non solo. Non si sbloccherà alcun cantiere, non si semplificheranno le procedure. Semmai si contribuirà a ridurre tutti quegli adempimenti che garantiscono legalità, trasparenza, rispetto delle condizioni di lavoro. La maggior parte dei cantieri sono bloccati perché sono venuti meno i finanziamenti, le imprese sono fallite, ci sono indagini, interdittive e sequestri. A dimostrazione che corruzione e illegalità sono problemi di cui ci si dovrebbe occupare. Il nostro lavoro è evidenziare e contrastare certe situazioni».
Quali sono le criticità del provvedimento? «Sospendere il Codice degli Appalti crea un vuoto senza precedenti perché viene a mancare il quadro legislativo di riferimento. Senza regole si favorisce il proliferare della corruzione e la penetrazione delle mafie negli appalti pubblici, colpendo i lavoratori e la tanta imprenditoria sana del Paese. Il governo fa appello alle indicazioni dell'Ue, ma le scelte vanno nella direzione opposta. La direttiva europea limita e non liberalizza il subappalto: punta a ridurre e qualificare le stazioni appaltanti.
Indica come centrale l'utilizzazione del criterio dell'offerta economicamente più vantaggiosa.
Invita a ridurre fortemente le procedure di affidamento senza bando di gara. Dal governo invece arriva più che altro un "liberi tutti dalle regole"».
Quali sono le possibili soluzioni? «Va dato impulso al sistema con investimenti pubblici e privati e va potenziata la competenza nella Pubblica Amministrazione. Vanno diminuite e qualificate le stazioni appaltanti. E se si vuole davvero sbloccare i cantieri e favorire la crescita si scelga una volta per tutte di combattere l'illegalità, allargando il sistema di regole posto a garanzia della trasparenza e della correttezza, piuttosto che limitarla. Insomma, sbloccare i cantieri significa dare valore al lavoro e quindi aiutare le imprese regolari, quelle che garantiscono la sicurezza e lo stipendio a fine mese».

segretario Giuseppe Massafra segreteria Cgil

Se si vuole davvero favorire la crescita si scelga una volta per tutte di combattere l'illegalità