MENU
Chiudi
24/10/2018

Le 4 richieste di Cna al ministro Toninelli

Il Trentino

Sblocco del Bando Periferie, tavolo tecnico, ecobonus da salvare, affido diretto sotto i 200 mila euro
BOLZANO Nell'ambito delle iniziative al Saie di Bologna, Cna Costruzioni ha incontrato il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Danilo Toninelli. "Cna Costruzioni ha evidenziato al ministro - spiega Emilio Corea, presidente di Cna-Shv Costruzioni dell'Alto Adige - alcuni aspetti critici, motivo di fortissime preoccupazioni per le imprese del comparto, che da oltre un decennio stanno subendo una profonda crisi che ha fatto arretrate il settore in termini di PIL e di occupazione". Sono quattro i principali punti esposti al ministro. Il primo è lo sblocco degli investimenti presenti nel «Bando Periferie». La risoluzione a questo problema permette di riqualificare le periferie e dà ossigeno alle piccole imprese locali. Il ministro ha confermato l'impegno e l'azione del Governo nello sblocco di questi investimenti che avviene attraverso l'accordo Governo-enti locali il cui punto essenziale consiste nel fatto che i lavori eseguiti saranno rimborsati dal Governo (con un Fondo di 560 milioni) a rendicontazione, quindi senza anticipazione del 20% agli enti locali a fronte del completamento della progettazione. In cambio il Governo sblocca le convenzioni Stato-comune già firmate a valle del Bando Periferie. Il secondo punto è la riconferma degli ecobonus e sismabonus. Nel documento che il Governo ha inviato a Bruxelles si riportano gli incentivi fiscali in materia al 50%. Il ministro - su questo punto - da un lato ha dichiarato il suo impegno a rendere strutturali tali incentivi, ma dall'altro non ha dato assicurazioni circa il mantenimento delle attuali aliquote (che partono dal 65%) dicendo che la materia è gestita dal Mise. "Cna Costruzioni - prosegue Corea - è molto preoccupata dal rischio ancora vivo che questi incentivi vengano diminuiti. Questo significherebbe nei fatti bloccare sul nascere il decollo della riqualificazione energetica e statica del patrimonio edilizio ". La terza richiesta è la partecipazione delle organizzazioni datoriali al tavolo tecnico ministeriale dedicato alla riforma del codice appalti vigente. Su questo punto è stato deciso l'impegno del ministro in tale direzione, anche e soprattutto in ragione del fatto che le micro e piccole imprese rappresentano oltre 90% del sistema di imprese in questo settore. Il ministro, questo il quarto punto, ha inoltre confermato il suo impegno e quello del Governo a introdurre nel codice l'affidamento diretto dei lavori fino a 200.000 euro.

Foto: Il ministro delle infrastrutture e dei trasporti Danilo Toninelli

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore