scarica l'app
MENU
Chiudi
31/05/2019

Lavoratori delle pulizie oggi in sciopero Duz: no al massimo ribasso negli appalti

Messaggero Veneto - Laura Venerus

presidio all'ospedale
Laura VenerusSciopero nazionale e presidio a Pordenone oggi, nel piazzale antistante l'ospedale, dalle 9. 30 da parte di lavoratrici e lavoratori impiegati negli appalti di pulizie e nei servizi integrati. In città la manifestazione è organizzata da Cgil Filcams, Cisl Fisascat, Uiltrasporti e UilTucs e riguarda da un lato la richiesta di avere un contratto nazionale, che manca da sei anni, dall'altro il timore per la ventilata riforma del Codice degli appalti, a cui il Governo vuole mettere mano. «Questi lavoratori - spiega Daniela Duz della Filcams - sono considerati invisibili ma svolgono un ruolo fondamentale per la cittadinanza perché si occupano prevalentemente di siti sensibili quali ospedali, scuole, case di riposo, oppure di luoghi di utilizzo collettivo come uffici, banche, tribunali. In queste realtà, grazie al ruolo svolto da tali lavoratori, si garantiscono gli standard igienico-sanitari indispensabili». L'identikit di questi lavoratori è prevalentemente femminile, con contratti di poche ore settimanali e salari bassi «andando a creare una criticità economica e sociale - aggiunge Duz -. Sono lavoratori che tremano a ogni cambio appalto perché immancabilmente vedono ridotte le loro ore e si gioca sul massimo risparmio, il che significa compressione del costo del lavoro». Secondo quanto spiega Duz, a impedire il rinnovo sono due elementi sostanziali: il fatto che si voglia modificare il riconoscimento economico delle malattie e il mancato accordo sull'aumento salariale. Per quanto riguarda l'ipotesi formulata dal Governo di mettere mano al Codice degli appalti, si prospetta una modifica della tenuta delle clausole sociali «minando la garanzia della tenuta lavorativa - sottolinea Duz - e c'è il rischio dell'introduzione del criterio privilegiato del massimo ribasso, mentre ora si considera l'offerta economicamente più vantaggiosa». In conclusione, Duz ribadisce l'importanza dello sciopero odierno, che viene organizzato dinnanzi a un sito sensibile per l'argomento quale l'ospedale civile, per chiedere politiche sugli appalti trasparenti e garanti della qualità del lavoro e della buona occupazione per un servizio prestato a beneficio di tutti. - BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI