MENU
Chiudi
01/09/2018

LA VICENDA In cinque municipi sono a rischio le at…

Il Messaggero

LA VICENDA
In cinque municipi sono a rischio le attività nelle palestre da loro gestite. Da gennaio il servizio potrebbe essere interrotto perché scadono le proroghe nei municipi che dovevano rinnovare le concessioni ma non hanno fatto in tempo.
Sono 400 le palestre scolastiche a gestione municipale che apriranno a settembre. Tutto a posto fino a gennaio, quando scadranno le proroghe e quindi non è detto che sia garantita la continuità del servizio. Il V, VI, XII, II, VII sono i municipi che hanno pubblicato i bandi fuori tempo massimo.
Ad aprile l'aula Giulio Cesare ha licenziato il nuovo regolamento per disciplinare la concessione degli spazi delle scuole alle associazioni sportive, uniformando i criteri. Tre le novità principali: l'affidamento per 4 anziché 3 anni, la cancellazione dei rialzi sul canone tariffario e delle manutenzioni straordinarie degli spazi come criterio di selezione. Il problema è che il nuovo regolamento è arrivato troppo tardi. I municipi che dovevano fare i bandi hanno aspettato, riuscendo a pubblicare gli avvisi solo tra luglio e agosto.
Così alcuni municipi hanno ottenuto le proroghe per non lasciare chiuse le palestre. Proroghe a sei mesi che però rischiano di bloccare il servizio. Chi iscrive i propri figli a un corso pomeridiano di basket si ritroverà a gennaio con una nuova gestione e altri corsi. Il caso adesso passerà all'Avvocatura capitolina che dovrà dire se è possibile andare in deroga al codice degli appalti e prolungare la proroga fino a giugno.
Per l'opposizione un eventuale blocco sarebbe da imputare direttamente a quel regolamento approvato troppo tardi, in fretta.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore