MENU
Chiudi
19/09/2018

La grana scuola alta tensione a Zavattarello

La Provincia Pavese - ALESSANDRO DISPERATI

Lavori non finiti, alunni a lezione in oratorio Il sindaco: «L'ente montano doveva gestire meglio la gara d'appalto» IL CASo
ZAVATTARELLO«Non mi aspettavo una strumentalizzazione politica di una decisione amministrativa necessaria come la collocazione delle scuole elementari in un edificio diverso da quello normalmente deputato alla loro accoglienza». Il sindaco di Zavattarello, Simone Tiglio, replica così alle accuse mosse da una parte dai consiglieri di opposizione e dall'altra dalla Comunità montana in merito ai lavori di sistemazione del plesso scolastico che obbligano, fino a metà novembre, al trasferimento di 35 bambini della scuola elementare al salone dell'oratorio per seguire le lezioni.trasferiti 35 bambiniTiglio sottolinea: «Stigmatizzo quanto è stato affermato dal consigliere di minoranza Claudio Dallagiovanna in quanto sia il Comune che la scuola, nella persona del dirigente scolastico e del responsabile del servizio di protezione, hanno valutato gli spazi dell'oratorio e della sala di musica, ove sarà collocata la mensa, più che adeguati ad ospitare la scolaresca. D'altronde questi spazi sono stati utilizzati fino a pochi anni fa per ospitare le attività pomeridiane dell'asilo e, successivamente, la seconda sezione della scuola dell'infanzia. Se erano adeguati e a norma allora, non si capisce perché non lo debbano essere oggi. Dovremmo dire anzi grazie alla parrocchia per aver tenuto così bene in questi anni l'oratorio e gli spazi annessi e per avercelo messo a disposizione gratuitamente».Il sindaco parte poi all'attacco: «Mi chiedo perchè il consigliere Dallagiovanna, quando era vicesindaco e ancor prima consigliere di maggioranza, non abbia pensato di mettere in sicurezza un edificio che presenta diversi problemi fin dagli anni '70, ma abbia dato il proprio assenso alla realizzazione di una scuola media microscopica, costata oltre 400 mila euro, a cui abbiamo già dovuto rifare il tetto, dopo soli sei anni dall'inaugurazione».Tiglio passa poi ad analizzare le opere e spiega: «Per quanto riguarda i lavori in corso mi limito ad osservare che, se la documentazione di gara è pervenuta alla Comunità montana in data 19 giugno, c'era tutto il tempo poter giungere all'aggiudicazione dei lavori entro la metà di agosto. Se così fosse accaduto oggi, visto che siamo a metà settembre, i lavori sarebbero quasi terminati».GARA D'APPALTO A RILENTO«Non voglio entrare nel merito della correttezza delle procedure utilizzate, di cui sono certo, ma francamente ritengo che tre mesi per l'esperimento di una gara d'appalto per lavori di importo ben inferiore ai 150 mila euro siano un po troppi - conclude il primo cittadino -. E forse, data l'urgenza di concludere le opere in tempo utile, si sarebbe potuto saltare un passaggio, quello della manifestazione di interesse, senza compiere alcuna illegittimità. La nostra sarà, una volta completati lavori, non solo una scuola più sicura e funzionale, ma anche la prima scuola ad indirizzo montessoriano di tutta la zona. Questo tengo a sottolinearlo perchè stiamo investendo oltre 300 mila euro per rendere quella di Zavattarello una scuola all'avanguardia in provincia». --ALESSANDRO DISPERATI

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore