scarica l'app
MENU
Chiudi
13/12/2018

«Impianti sportivi regolari non c’è nessuna emergenza»

Corriere Adriatico

Il sindaco Cartechini replica all'opposizione: «I bandi perduti? Ce ne sono ogni mese»
LA POLEMICA
CORRIDONIA «Sulla situazione degli impianti sportivi sottolineo che nessuna segnalazione particolare ci è giunta da parte di società ed associazioni che li hanno in gestione da parte del Comune. Dico anche che tutto è migliorabile e perfettibile anche in questo ambito, ma non c'è questa situazione di sfascio che la minoranza ha denunciato». Il sindaco di Corridonia Paolo Cartechini replica alle accuse piovute sulla sua giunta di perdere occasioni importanti di finanziamenti pubblici per impianti sportivi, come il bando Sport e periferie, cui l'amministrazione non ha partecipato, e di scarsa manutenzione degli stessi.
I bandi
«Per quanto riguarda la scadenza del 17 dicembre di riapertura del bando spiega il primo cittadino - ci stiamo adoperando per presentare adeguata documentazione su alcune situazioni che monitoriamo in modo da poterci rientrare. Bisogna tener presente che escono bandi quasi ogni mese, il Comune non può partecipare a tutti: sia per una questione legata allo scarso numero dei dipendenti, ai Lavori pubblici per esempio contiamo su un ingegnere, un geometra e un architetto part time, sia perché talvolta questi bandi prevedono la presentazione di progetti esecutivi per svariati milioni di euro che non sono alla nostra portata. Cerchiamo di fare il massimo con le poche forze di cui disponiamo». Anche sulla denuncia di uno stato di abbandono dell'impiantistica sportiva esistente Paolo Cartechini smentisce le accuse di immobilismo piovute sulla sua giunta. «È facile sparare nel mucchio spiega il sindaco - ma io preferisco raccontare i fatti. Ebbene le associazioni sportive che hanno in gestione gli impianti non hanno segnalato finora alcuna anomalia o problematica all'amministrazione».
Le opere
Anche sulla manutenzione il sindaco rivendica attenzione e interventi. «All'ippodromo Martini sono stati fatti dei lavori, così come al campo di Colbuccaro il cui manto verde e gli impianti termici sono stati sistemati prima di passare la gestione alla società sportiva locale. Abbiamo rifatto gli spogliatoi a San Claudio, effettuato lavori al palasport e sono in costruzione due campi polivalenti nella zona industriale. Si può sempre fare di più e meglio, ma dobbiamo anche agire nel rispetto del bilancio». Sulla riqualificazione dell'ex campo Enaoli la situazione è ben delineata. «C'è un'omologazione della Figc per due anni che scade quest'anno conclude il sindaco Cartechini- dopo di che attendiamo che ci dicano quali sono i lavori ulteriori da fare e assicuro che verranno eseguiti. Piacerebbe a tutti poter avere un impianto più bello, moderno e funzionale ma il nostro obiettivo attuale è prima di tutto rendere l'ex Enaoli fruibile e vivibile per chi lo utilizza».
Mauro Giustozzi
© RIPRODUZIONE RISERVATA