scarica l'app
MENU
Chiudi
25/06/2019

«Il Ministero ci chiami a Roma»

QN - La Nazione

ANCI Toscana chiede al governo che venga riconvocato al più presto il tavolo sulla geotermia, concordato tra le parti già tre mesi fa. La sollecitazione si unisce a quella della Regione, che sul tema degli incentivi negati al vapore ha scritto al sottosegretario del Mise Davide Crippa. Fu lo stesso Crippa, nell'atteso incontro con tutti i soggetti interessati del 27 marzo scorso, a impegnarsi per riaprire la trattativa entro un mese e trovare una strada condivisa per superare il blocco dei finanziamenti al settore geotermico, cancellati dallo stesso governo nel decreto rinnovabili Fer1. Per arrivare a questo positivo risultato, Anci Toscana con il presidente Matteo Biffoni si era mobilitata, dando voce ai 16 Comuni geotermici della Toscana. «Escludere la geotermia dalla linea di finanziamento - ribadisce Anci Toscana - avrebbe ricadute pesantissime sui territori e l'occupazione: l'impegno comune deve essere ora quello di sfruttare le risorse geotermiche. Con il massimo rispetto della mitigazione dell'impatto ambientale». Sul fronte della crisi che investe il settore degli appalti Enel, il movimento GeotermiaSì chiede «di ricostituire e riunire con urgenza l'osservatorio economico, oltre a ridefinire l'assetto di Cosvig affinché torni operativo». i.p.