MENU
Chiudi
07/09/2018

Dup più facile, ma saltano le modifiche pro-investimenti

ItaliaOggi - Matteo Barbero

L'OTTAVO CORRETTIVO AI PRINCIPI CONTABILI DELLE AMMINISTRAZIONI LOCALI
Dup (Documento unico di programmazione) più facile, ma saltano le modifiche pro-investimenti. Possono essere sintetizzati in questi termini i contenuti del dm 29 agosto 2018 recente l'ottavo decreto correttivo ai principi contabili degli enti territoriali appena pubblicato sul portale Arconet, che ospita tutta la normativa in materia. Il provvedimento recepisce solo in parte la proposta dell'omonima commissione tecnica, che nella seduta dello scorso 11 luglio aveva licenziato uno schema di più ampio respiro. In particolare, era prevista una profonda revisione dell'allegato 4/2 al dlgs 118/2011 al fine di rendere più semplice il raccordo fra le norme contabili e quelle sugli appalti di lavori pubblici, introducendo numerose novità, soprattutto per quanto concerne l'impatto contabile della progettazione e della realizzazione delle opere e la possibilità di attivare il fondo pluriennale vincolato anche solo in presenza di un progetto almeno definitiva. Questa parte non è stata ripresa nel testo ufficiale, per ragioni al momento non esplicitate nelle premesse. Confermata, invece, la semplificazione dell'iter di approvazione del Dup, che viene meglio raccordato con gli altri documenti programmatori. Questi ultimi possono ora essere approvati con il Dup, senza necessità di ulteriori deliberazioni. Nel caso in cui i relativi termini di adozione o approvazione precedano l'adozione o l'approvazione del Dup, tali documenti di programmazione dovranno essere adottati o approvati autonomamente, fermo restando il successivo inserimento degli stessi nel Dup. Nel caso in cui la legge preveda termini di adozione o approvazione dei singoli documenti di programmazione successivi a quelli previsti per l'adozione o l'approvazione del Dup, tali documenti di programmazione potranno essere adottati o approvati autonomamente, fermo restando il successivo inserimento degli stessi nella nota di aggiornamento al Dup. I documenti di programmazione per i quali la legge non prevede termini di adozione o approvazione andranno senz'altro inseriti nel Dup. In particolare, si richiamano i termini previsti per l'approvazione definitiva del programma triennale delle opere pubbliche dall'articolo 5, comma 5, del decreto del ministero delle infrastrutture n. 14 del 16 gennaio 2018 concernente Regolamento recante procedure e schemitipo per la redazione e la pubblicazione del programma triennale dei lavori pubblici, del programma biennale per l'acquisizione di forniture e servizi e dei relativi elenchi annuali e aggiornamenti annuali: «Successivamente alla adozione, il programma triennale e l'elenco annuale sono pubblicati sul profilo del committente. Le amministrazioni possono consentire la presentazione di eventuali osservazioni entro trenta giorni dalla pubblicazione di cui al primo periodo del presente comma. L'approvazione definitiva del programma triennale, unitamente all'elenco annuale dei lavori, con gli eventuali aggiornamenti, avviene entro i successivi trenta giorni dalla scadenza delle consultazioni, ovvero, comunque, in assenza delle consultazioni, entro sessanta giorni dalla pubblicazione di cui al primo periodo del presente comma, nel rispetto di quanto previsto al comma 4 del presente articolo, e con pubblicazione in formato open data presso i siti informatici di cui agli articoli 21, comma 7, e 29 del codice. Le amministrazioni possono adottare ulteriori forme di pubblicità purché queste siano predisposte in modo da assicurare il rispetto dei termini di cui al presente comma» .

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore