MENU
Chiudi
10/09/2018

Di Maio-Toti, nuovo scontro sul ponte crollato

Eco di Bergamo - bianca maria manfredimichela nana

La ricostruzione Il vicepremier: «Brutte sorprese per Autostrade» La replica: «Pensi alla città». Santoro indagato lascia la Commissione
«Tutti» vogliono che sia Fincantieri a ricostruire il ponte Morandi di Genova: «Per una volta anche il governo».

L'assicurazione arriva dal presidente della Liguria Giovanni Toti che con i ministri 5 Stelle ormai ha uno scontro quotidiano, in primis con il vicepremier Luigi Di Maio e il titolare delle Infrastrutture Danilo Toninelli. In ballo ci sono le competenze sulla ricostruzione, ma anche di più.

La questione ha a che fare con l'immagine dell'Italia come dimostra la prima pagina del New York Times che ieri dedicava un lungo articolo al crollo che è costato la vita a 43 persone e ancora tiene in sospeso circa 600 sfollati.

Per loro e per tutta l'economia di Genova e del suo porto c'è la necessità di fare presto. Ma il cammino è irto di ostacoli.

Santoro si dimette

Ieri si è dimesso dalla commissione ispettiva del ministero delle Infrastrutture (terzo a farlo) Bruno Santoro, fra gli indagati per il crollo a causa di consulenze fatta ad Autostrade negli anni scorsi. Il ministero lo ha ringraziato «per la sensibilità e la professionalità dimostrate» precisando «che appena dal 23 marzo scorso Santoro è dirigente della Divisione 1 (Vigilanza tecnica e operativa della rete autostradale in concessione) della Direzione generale per la vigilanza sulle concessionarie autostradali».

Il dirigente, ha puntualizzato il Mit, «non ebbe competenza alcuna sul progetto di manutenzione straordinaria presentato da Autostrade per il Ponte Morandi».

E c'è il tema del codice degli appalti da bypassare per accelerare i tempi, della concessione di Autostrade che «in punta di diritto» dovrebbe pagare la ricostruzione ma anche scegliere chi la farà; per questo, serve che il governo firmi «un decreto Genova» ha ribadito Toti in una conferenza stampa a margine del workshop Ambrosetti a Cernobbio. E il decreto, ha annunciato Toninelli, a breve arriverà con «misure importantissime per Genova e i genovesi».

L'altra assicurazione che ha dato è che Autostrade «pagherà fino all'ultimo centesimo e non ricostruirà un ponte che ha fatto crollare per inadempienza».

Certo «metteranno i soldi», ha detto, e non basterà «una conferenza stampa con un modellino (quella svolta da Autostrade, Regione Liguria e Renzo Piano, ndr) per ricostruire la loro immagine».

«In questo momento - ha ripetuto più volte il governatore - sarebbe opportuno da parte di tutti mettere da parte le polemiche e cominciare a fare dei ragionamenti costruttivi».

Scambio di tweet

In realtà, lo scambio di veleni non si è fermato. A Toninelli, che in un tweet ha suggerito al governatore di pensare agli sfollati, Toti ha risposto di pensare al suo ministero che è «un colabrodo» con una commissione dove i membri «ruotano più velocemente che in una partita di calcio».

E se ha ammesso che forse sarebbe meglio un tecnico come responsabile dell'emergenza rispetto al presidente della Regione, ha anche aggiunto che la scelta spetta agli enti locali.

«Nessuno può pensare che un ministero, dove molto si è sbagliato - ha commentato - possa portare a un commissariamento delle istituzioni locali».

E a Di Maio, di nuovo belligerante che promette «brutte sorprese» ad Autostrade nei prossimi giorni perché non intende far ricostruire il ponte «a chi lo ha fatto crollare», il presidente ligure ha consigliato di dare buone notizie «per i genovesi, per la Liguria e per il sistema di imprese del Nord Ovest che del porto di Genova si servono». «Credo - ha concluso infine Giovanni Toti - che farebbe più efficacemente il suo lavoro».

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore