scarica l'app
MENU
Chiudi
12/12/2018

Di Maio prova a ” comprarsi ” le imprese

Il Fatto Quotidiano - PATRIZIA DE RUBERTIS

Tavolo Sconti Inail per 1,7 miliardi, ma le aziende puntano ai fondi del " reddito " L ' INCONTRO
È partito un nuovo patto fra governo e imprese per abbattere la burocrazia , abb a s s a re il costo del lavoro e investire in i n n o va z i o n e
Due giorni fa, Di Maio l ' a ve va detto senza giri di parole all ' al tro vicepremier Salvini: " Tutti i ministri hanno il dovere di incontrare le imprese, ma i fatti si fanno al ministero dello Sviluppo " . E così ieri, lui, il ministro del relativo ministero ha riunito allo stesso tavolo 33 associazioni di categoria (al Viminale con il leader leghista ce n ' erano una decina), fra quelle maggiormente rappresentative, tra le quali Confindustria, il mondo delle professioni, ma anche i vertici di Cassa depositi e prestiti, Invitalia e l ' Istituto per il commercio con l ' estero. " È PARTITO un nuovo patto fra governo e imprese per abbattere la burocrazia, abbassare il costo del lavoro, investire in innovazione e accelerare esportazioni " , ha esortato Di Maio cercando di lavorare alla tela del dialogo con le aziende che si sono dichiarate soddisfatte di questa nuova fase di confronto. E già giovedì o venerdì si replicherà con un incontro tecnico sulla manovra che avrebbe come primo obiettivo quello di correggere la legge di bilancio e il decreto semplificazioni, con un ritorno alla concertazione. Le promesse che ha fatto Di Maio sono, comunque, di quelle pesanti. A iniziare dalla revisione delle tariffe Inail. Il ministro ha annunciato un taglio del 30% dei tassi medi, con un risparmio stimato in oltre 1,7 miliardi di euro annui per le aziende. " Si sta ragionando sulle coperture di intesa con il Tesoro. Il lavoro è pronto " , ha assicurato. Alle piccole e medie imprese, però, il vicepremier Cinquestelle ha offerto anche la deducibilità dell ' Imu sui capannoni fino al 50%, una legge delega per la riforma del Codice degli Appalti e il rinvio di sei mesi per le sanzioni sull ' ob bligo della fattura elettronica, che da mesi scatena polemiche da parte degli imprenditori che giudicano il nuovo strumento vessatorio e a cui le aziende non sono ancora preparate tecnologicamente. UN PIATTO di provvedimenti così ricco da costituire " un ' offerta che supera la richiesta " , ha fatto notare con imbarazzo il presidente di Confartigianato, Giorgio Merletti. Un pensiero condiviso anche da altri rappresentanti delle imprese come Confcommercio, Cna e Confesercenti. Sul tavolo è poi finito anche il pagamento della metà dei debiti della Pubblica amministrazione entro il 2019: sarà Cassa dep o s i t i e pr es ti ti ad anticipare circa 30 miliardi (i soldi devono essere restituiti entro 12 mesi) garantiti da un fondo ad hoc per evitare che la misura non ricada nel perimetro dei conti dello Stato venendo così bocciata dall ' Ue. E ancora, Di Maio ha confermato pure l ' apertura alle aziende sul reddito di cittadinanza: " Il coinvolgimento delle imprese nel reddito di cittadinanza è quello che abbiamo sempre detto: chi assumerà dal meccanismo del reddito come impresa prenderà il reddito di cittadinanza per cinque mesi se è uomo e per sei mesi se è donna per incentivare l ' occupazione femminile " . " Siamo solo al fischio di inizio della partita " , ha avvertito il leader di Confindustria Vincenzo Boccia, che ha comunque apprezzato l ' in contro, " un cambio di guardia nell ' attenzione dell ' esecutivo alla manovra e alla crescita " . Quello al Mise, ha rassicurato Di Maio non è stato un incontro " estemporaneo " , ma l ' inizio di un lavoro " che porterà non solo ascolto, ma fatti " . © RIPRODUZIONE RISERVATA