MENU
Chiudi
03/10/2018

Comune e personale, a vuoto due bandi su tre

Il Messaggero

FERENTINO
La carenza di personale soprattutto nell'ufficio tecnico, nella polizia municipale e nell'ufficio economato e patrimonio del Comune di Ferentino ha costretto l'ente di piazza Matteotti a mettere in campo dei bandi pubblici con la mobilità volontaria da altri enti per reperire figure a tempo indeterminato. Ma i bandi, almeno per quanto riguarda l'istruttore tecnico e la figura di vigile urbano, non hanno prodotto esito positivo. In particolare per la figura di istruttore tecnico a tempo pieno e indeterminato è stata presentata solo una candidatura. Il Comune, esaminata tutta la documentazione, ha escluso il candidato che non ha i requisiti richiesti. Ancora peggio il bando per l'assunzione di un vigile urbano. Il Corpo della polizia municipale guidato dalla comandante Rosalinda Di Nunzio è notevolmente sotto organico per un centro di 22.000 abitanti e un territorio molto vasto che ha varie problematiche soprattutto a livello ambientale. Poco più di dieci unità, una ogni 2.000 abitanti, sono davvero poche. Il bando non ha sortito gli effetti sperati. Sono state sei le candidature, ma anche qui i responsabili degli uffici, dopo aver valutato la documentazione, hanno ritenuto che nessuna poteva essere accettata. E' andata meglio, invece, per la figura di istruttore amministrativo per quanto riguarda l'ufficio economato e patrimonio. Sono state presentate quattro candidature e ben tre sono state accettate in quanto hanno i requisiti richiesti. Ora la commissione sceglierà la persona da assumere. Il fatto di non aver trovato figure idonee per l'istruttore tecnico e il vigile non ha lasciato però con le mani in mano il Comune, che si è mosso per trovare soluzioni ideali. Il fatto di avere i conti in piena regola ed un cospicuo avanzo di bilancio potrebbe portare presto l'ente guidato da Antonio Pompeo ad assumere tramite concorsi pubblici. Nel frattempo, per sopperire alla mancanza di personale dell'ufficio tecnico, è stato stipulato un accordo con il Comune di Alatri che invierà al di fuori dell'orario d'obbligo due geometri a Ferentino per 12 ore settimanali per un anno al costo di circa 10.000 euro. Inoltre, visto che sul territorio di Ferentino ci sono ben otto attività estrattive, il Comune ha nominato un ingegnere minerario come supporto al Rup (responsabile unico del procedimento) per quanto riguarda i contratti relativi alle attività estrattive. Il costo dell'ingegnere per un anno è di circa 9.000 euro.
Emiliano Papillo
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore