scarica l'app
MENU
Chiudi
06/07/2019

Comune, corsi per aggiornare i dipendenti

Il Gazzettino

IL SINDACO: DEVONO TRASFORMARSI IN VERI E PROPRI CONSULENTI AL SERVIZIO DEI CITTADINI
PORCIA
Corsi di formazione e di aggiornamento per il personale di alcuni uffici comunali, per farne una sorta di consulenti per i cittadini. È l'idea del sindaco Marco Sartini, che annuncia di voler partire già da settembre o dagli inizi di ottobre con questa attività. «Faremo partire - spiega - corsi di aggiornamento per il personale degli Uffici edilizia e urbanistica e Lavori pubblici, con formatori professionisti di alto profilo, per fare in modo che diventino veri e propri consulenti per i cittadini. Quando un cittadino si presenta agli uffici portando un'idea o una proposta imprenditoriale, non deve trovare un burocrate, ma, appunto, una sorta di consulente. In questo modo si porta a casa un importante obiettivo, quello di far partire gli investimenti e aiutare la nostra economia. Se invece non si ha chiaro tutto l'iter e le normative più recenti, tutto il procedimento diventa più lento». Via dunque ad approfondimenti su normative e Codice degli appalti nei prossimi mesi, ma non sarà un'iniziativa una tantum: proseguirà anche negli anni successivi con aggiornamenti che consentano di stare al passo con le novità e fornire sempre ai cittadini le giuste indicazioni. E, a proposito di personale, il sindaco delinea anche quella che sarà la sua linea, ossia quella di cercare di trattenere e valorizzare al massimo le professionalità presenti. «Negli anni c'è stata una certa emorragia di dipendenti, che hanno usufruito della possibilità di essere trasferiti in altri enti. Io intendo valorizzare le risorse interne, perché per me chi lavora qui da vent'anni rappresenta un patrimonio, perché conosce i luoghi, le persone, le dinamiche. Per questo bisogna fare il possibile affinché resti: queste persone hanno maturato un'esperienza sul campo che non si può disperdere a cuor leggero. Altrimenti il rischio è quello che accada quello che è già accaduto in altri Comuni vicini, dove c'è stata una vera e propria fuga di dipendenti». Un primo problema che, da questo punto di vista, si è già trovato ad affrontare il nuovo sindaco è il nulla osta dato dalla precedente amministrazione alla mobilità per il capo ufficio tecnico del Comune, in concomitanza con l'iter della variante al Piano regolatore. Problema, questo, provvisoriamente risolto con un contratto che permette di avere ancora a disposizione il professionista per alcune ore a settimana per seguire la pratica. Naturalmente questa intenzione dovrà fare i conti con le numerose opportunità offerte al personale dalla mobilità. «Certamente la Pubblica amministrazione negli ultimi anni è cambiata molto, e per il personale c'è la possibilità di spostarsi facilmente. Deve esserci, da parte nostra, la capacità di valorizzare queste risorse umane e coinvolgerle per fare in modo che restino».
Lara Zani
© RIPRODUZIONE RISERVATA