MENU
Chiudi
10/12/2018

Busta non incollata, candidato escluso

ItaliaOggi Sette - PIETRO ALESSIO PALUMBO

CONSIGLIO DI STATO/ Regole dei concorsi
Il candidato che non incolli i lembi della busta con le generalità è escluso. Con la sentenza 5571/2018 il Consiglio di stato ha respinto il ricorso di un candidato scartato da una pubblica selezione poiché la busta risultava non incollata. Il regolamento L'art. 14 del regolamento dei concorsi (dpr 487/1994) prescrive che al candidato sono consegnate due buste, una grande e una piccola. Il candidato dopo aver svolto la prova mette i fogli nella busta grande, scrive le generalità sul cartoncino e lo chiude nella busta piccola. Pone la busta piccola nella grande che chiude e consegna. La tesi del ricorrente A parere del ricorrente non c'è una norma che sanzioni con l'esclusione la mancata incollatura della busta. Per di più l'apertura della busta non precostituirebbe segno di riconoscimento. Non vi sarebbe stata inoltre, valutazione in concreto della violazione dell'anonimato, mancando nel regolamento e nel bando, la previsione dell'automatica esclusione in tal caso. Quando a farlo è la Commissione L'adunanza plenaria con sentenza 26/2013 nel caso di violazione del principio di anonimato da parte della Commissione, ha statuito che comporta illegittimità della procedura per pericolo astratto. Vizio derivante da violazione di norma d'azione, sanzionato in via presuntiva senza accertare l'effettiva lesione dell'imparzialità. Il giudizio Palazzo Spada ha stabilito che l'esclusione è garanzia del principio di par condicio. La busta con le generalità era aperta: è irrilevante che il bando o il regolamento non sanzionino espressamente con l'esclusione la mancata incollatura. Non rileva neppure che il ricorrente abbia intenzionalmente o meno reso riconoscibile la prova, essendo l'apertura della busta, comunque suscettibile di compromettere l'anonimato. Secondo i verbali neppure era stato un mero cedimento della colla. In sostanza, non occorre accertare se si sia in concreto sviata la procedura di correzione, è suffi ciente la teorica possibilità di tale evenienza. Il criterio dell'anonimato nelle prove scritte delle selezioni è precipitato dei principi costituzionali di uguaglianza, buon andamento, imparzialità della p.a.

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore