MENU
Chiudi
25/10/2018

Bike sharing: parte il progetto per la ciclabile

Il Gazzettino

AURONZO
Scade agli inizi del prossimo mese il bando europeo per la fornitura di apparecchiature e biciclette nell'ambito del servizio di bike sharing ad Auronzo, Lorenzago, Lozzo, Domegge, Calalzo, Pieve e Perarolo. Ad occuparsi della pratica come stazione unica appaltante è l'ufficio tecnico del Comune di Auronzo.
L'OBIETTIVO
L'obiettivo dell'iniziativa nell'ambito della mobilità sostenibile è di ottenere tutto il materiale necessario per la realizzazione di un sistema territoriale di bike sharing da attivare in tutta la Val d'Ansiei, a Misurina comprese le Tre Cime di Lavaredo, nella Val Popena per il collegamento Auronzo-Dobbiaco e nei Comuni del Centro Cadore. Il programma prevede la realizzazione di 8 ciclostazioni con relativi moduli elettrici di ricarica. Viene inoltre contemplata la dotazione di 23 biciclette tipo trail ebike, 3 mountain bike ebike con pedalata elettroassistita ed altrettante mountain bike tradizionali. Il tutto sarà dotato dell'identificazione automatica elettronica con tecnologia rfid. Le biciclette sono bloccate e sono utilizzabili dopo averle liberate con una apposita tessera. Sotto il profilo economico all'aggiudicatario del bando saranno affidati singoli appalti di fornitura da parte dei Comuni aderenti all'accordo per quasi 132mila euro nel 2018 e 300 mila euro nei prossimi due anni. Nel quadriennio, durata della concessione, la spesa massima ammessa è di quasi 648mila euro.
IL COMPRENSORIO
Prende dunque sempre più corpo l'organizzazione nella fornitura di servizi, attualmente potenziati da Dolomitibus con il trasporto delle bici, per quanti vogliono percorrere sui pedali l'anello ciclabile del Cadore-Ampezzano oppure inserirsi sulla Dobbiaco-Cortina e raggiungere la rete dell'Alta Pusteria e quella austriaca lungo la Drava. Del resto questa parte dell'Alto Bellunese punta sempre più sul cicloturismo. Pratica questa che ultimamente sta raggiungendo traguardi impensabili alcuni anni fa, soprattutto per l'affluenza internazionale. Nell'ambiente alberghiero locale tale tendenza positiva è attribuita soprattutto all'appartenenza di quest'area alle Dolomiti Patrimonio Unesco e alle numerose manifestazioni legate alla mountain bike. Intanto proseguono i lavori per il superamento di due punti fra i più critici della ciclabile che collega Auronzo con Calalzo. Ossia il superamento del torrente Molinà nel territorio calaltino e il superamento del Ponte Nuovo fra Vigo e Lozzo. Resta inoltre da completare il collegamento fra Misurina e Carbonin di prossima realizzazione.
Gianfranco Giuseppini

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore