scarica l'app
MENU
Chiudi
07/01/2019

Bando contestato per l’ostello il M5S chiede conto alla giunta

Il Trentino

TRENTO Dopo la diffida dell'Associazione alberghi della gioventù, che ha chiesto l'annullamento del bando o la proroga dei termini, il M5S chiede conto alla giunta sul bando per la gestione dell'ostello della gioventù. Il bando è stato pubblicato a metà dicembre e scade il 16 gennaio, valore della concessione 32 mila euro all'anno. Troppo poco tempo, secondo l'associazione. «A noi interessa garantire il servizio», ha risposto l'assessore Roberto Stanchina. «Apprendiamo come troppo spesso succede che per l'ennesima volta esiste un problema con la redazione dei bandi comunali - scrivono i consiglieri 5 Stelle anche per l'ostello in via Torre Vanga pare che ci sia una diffida da parte dell'Associazione Italiana Ostelli per la Gioventù. Nella denuncia si evidenzia il mancato rispetto del principio di trasparenza, lealtà e buon andamento della pubblica amministrazione oltre al rispetto delle linee guida dell'Autorità anticorruzione. Si parla di tempistiche di pubblicazione e disposizioni contenute nel bando altamente limitative e lesive dei diritti delle organizzazioni e degli operatori interessati alla gestione della struttura. Abbiamo quindi ritenuto opportuno chiedere alla giunta di rendere conto in aula»