MENU
Chiudi
15/01/2019

Appalto scuola La giunta consulta un avvocato

Il Centro

alba adriatica
ALBA ADRIATICA Giorni decisivi per il Comune di Alba, che cerca un modo per uscire dall'angolo dopo la sentenza del Tar che ha annullato l'aggiudicazione dei lavori per la costruzione della nuova scuola media, a causa di dichiarazioni difformi della ditta vincitrice nella sua offerta per la gara d'appalto. L'ente, infatti, rischia un lungo stop ai lavori e per questo anche di perdere il finanziamento per demolire e ricostruire l'ala della scuola che si affaccia su via Saffi, oppure di gettare dal 2020 l'istituto scolastico albense in grave emergenza senza aule a disposizione per gli studenti della secondaria. Il sindaco Antonietta Casciotti ha così inviato una nota stringata: «Data la sentenza del Tar intervenuta sulla procedura di appalto per la realizzazione della scuola media, l'amministrazione valuta il conseguente ventaglio di scenari ipotizzabili. In tal senso, è previsto per la settimana un incontro con il legale incaricato per la difesa dell'ente. Sarà premura dell'amministrazione informare di ogni sviluppo la cittadinanza». Queste parole si aggiungono a quelle dell'assessore ai lavori pubblici Nicolino Colonnelli , che prometteva il massimo impegno per far ripartire i lavori. Tra le ipotesi uscite fuori nei giorni scorsi che il Comune potrebbe percorrere, c'è anche quella che vede l'ente scavalcare l'Unione dei Comuni della Val Vibrata, che è stazione appaltante dell'opera, per aggiudicare direttamente i lavori alla ditta arrivata seconda nella gara d'appalto. (l.t.)

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore