MENU
Chiudi
04/10/2018

«Anticiperemo noi i 9 milioni Il governo deve rispettare il Bando»

QN - Il Resto del Carlino

IL COMUNE 'anticiperà' circa 8 milioni di euro per rifare il sistema fognario della Darsena e altri 800 mila euro per la passerella in legno in via D'Alaggio, lungo il Candiano, sopraelevata rispetto alla banchina. E non si esclude l'avvio di un contenzioso nei confronti del governo. E' il cosiddetto 'piano b' messo a punto dal sindaco Michele de Pascale nel caso in cui il premier Conte decida di non rispettare quanto previsto dal Bando periferie sottoscritto dal precedente governo. Il bando, naturalmente, riguarda tutta l'Italia e i sindaci di ogni colore politico. In base a quanto sottoscritto dal precedente premier Gentiloni e dal sindaco de Pascale, a Ravenna spetterebbero 12,5 milioni di euro. La manifestazione di ieri sera nell'area di Darsena Pop è stata un successo, hanno partecipato in tanti e segue la raccolta di duemila firme a sostegno di una petizione che chiede di sbloccare la situazione. «Abbiamo presentato i progetti entro i tempi stabiliti, ci sono privati che hanno pagato la progettazione e l'avvio dei valori dei primi progetti in Darsena. Ora Conte non può venire a dire che se ne riparlerà» ha detto de Pascale. «Durante l'incontro con l'Anci ha assicurato che avrebbe diluito i fondi in tre anni, in verità non abbiamo saputo più nulla». CON questa iniziativa «vogliamo dire che i progetti previsti per la Darsena sono seri, concreti e sentiti dalla cittadinanza ravennate. Nelle 2 mila firme raccolte c'è un consenso trasversale rivolto ai piani di riqualificazione del vecchio porto». Nel caso il governo decida di non andare avanti con il Bando periferie, i primi a rimetterci saranno i privati che non potranno godere di fondi pubblici. Il Comune ha messo a punto una contromossa. «Hera in tempi stretti bandirà la gara d'appalto per il sistema fognario. Noi metteremo a bilancio nel 2019 la cifra di quasi 8 milioni di euro per i lavori e attenderemo le mosse del governo». Nell'assestamento del bilancio 2018, ormai prossimo, verranno invece previsti 800 mila per la passerella lungo il Candiano. «E' chiaro - ha concluso il sindaco - che se il bando periferie verrà spazzato via inizieranno i contenziosi. Stiamo parlato di atti pubblici sottoscritti, non di una boutade qualsiasi. Tuteleremo anche i privati fino in fondo». Lorenzo Tazzari

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore