scarica l'app
MENU
Chiudi
31/12/2018

Alle Stiacciole 22 nuovi alloggi Accordo fra Comune e Regione

QN - La Nazione

IL CONSIGLIO comunale ha approvato a maggioranza la bozza di convenzione tra Regione e Comune di Grosseto per l'attuazione di intervento in area Peep in località Stiacciole. L'operazione permetterà il finanziamento di edilizia economica e popolare che fino ad oggi insisteva sugli edifici in costruzione di via de' Barberi, a Grosseto. «Crediamo fortemente nelle politiche abitative come strumento necessario ed efficace di benessere e coesione sociale - dice il sindaco, Antonfrancesco Vivarelli Colonna -. La casa è e deve essere un diritto fondamentale come sostegno indispensabile alla famiglia ed è per questo che il nostro impegno sarà al massimo». L'azione nasce anche dalla volontà di scongiurare la perdita di una linea di finanziamento di quasi 4 milioni di euro proveniente dal piano nazionale di edilizia abitativa: il Comune di Grosseto, in sinergia con Edilizia Provinciale Grossetana, ha chiesto e ottenuto di poter utilizzare questa importante somma su una zona diversa. «Alle Stiacciole sorgeranno 22 nuovi alloggi di edilizia residenziale pubblica - commenta Fabrizio Rossi, assessore alle Aree Peep -. Il terreno è di proprietà del Comune ed è già stato assegnato all'Epg: in questo modo, si velocizza in maniera importante tutto l'iter ed è perciò il modo più veloce per far partire il cantiere e concludere i lavori entro i tre anni successivi. L'intervento permetterà anche l'edificazione di un centro polifunzionale a servizio dei futuri residenti tale da evitare la nascita dell'ennesimo dormitorio». BUONE notizie, poi, secondo il sindaco arrivano anche dalla «modifica al Codice degli appalti da parte del Governo nella parte in cui si innalza da 40mila a 150mila euro la possibilità di affidamento diretto, previa consultazione di almeno tre operatori economici, è una decisione tanto attesa quanto utile». «Così facendo - continua il sindaco - si permette alle amministrazioni di velocizzare le procedure di appalto e, al contempo, di sostenere concretamente le imprese locali. Ma non solo: il Governo mette in campo un'azione tangibile, un'attenzione evidente verso la territorialità, cosa che più volte abbiamo invocato negli ultimi tempi e per cui ci siamo battuti. È l'inizio dello smantellamento di tutti quei paletti inutili e dannosi voluti da un Pd che ha ingessato pericolosamente il tessuto economico del settore. Quanto meno bizzarro, ora, è infatti assistere alle battaglie spudorate portate avanti da chi adesso si erge a difensore di una categoria che fino a poco tempo fa ha affossato con politiche cieche e dolose. Continueremo a tenere in grande considerazione e a tutelare il principio di trasparenza e rotazione e porteremo avanti convintamente il percorso di partecipazione e condivisione con le associazioni di categoria».