MENU
Chiudi
31/08/2018

A Saluzzo, Fossano e Savigliano “porta a porta” in tutte le frazioni

La Stampa - BARBARA MORRA

rifiuti, Ricorso al tar del precedente gestore, ma non è stata concessa sospensiva
Da metà novembre la raccolta porta a porta dei rifiuti sarà estesa dal concentrico alle frazioni della città e a 11 Comuni del Saluzzese, con il passaggio di gestione della raccolta e smaltimento dalla società Energeticambiente (ex Aimeri Ambiente) al nuovo raggruppamento di imprese. Da domani

Da domani, infatti, e per i prossimi 7 anni, il servizio per tutto il Consorzio Sea (54 Comuni di Fossanese, Saviglianese e Saluzzese) sarà gestito dal nuovo concessionario composto dalle ditte San Germano, Proteo e Cooplat. I vertici del Consorzio e l'assemblea dei sindaci hanno stabilito un periodo «cuscinetto» in cui non cambierà nulla nel servizio rispetto all'impostazione precedente.

Dal 15 novembre

Solo dal 15 novembre verrà applicato quanto previsto dal nuovo contratto di appalto, principalmente il passaggio da 26 a 39 del numero dei Comuni che effettuano la raccolta porta a porta.

Per Saluzzo città il cambiamento riguarderà tutte le frazioni. Lo stesso per Savigliano e Fossano. I Comuni che inizieranno la raccolta con il nuovo sistema, tranne Vottignasco e Ruffia, sono in valle Po e nel Saluzzese: Paesana, Sanfront, Envie, Gambasca, Martiniana, Brondello, Cardè, Pagno, Rifreddo, Rossana e Scarnafigi.

«Il periodo di un mese e mezzo dalla presa in carico del nuovo gestore all'applicazione delle raccolte porta a porta servirà per informare i cittadini - spiega il direttore del Consorzio Sea, Fulvio Rubiolo -. Si tratta di un passaggio abbastanza semplice ma per alcuni, come gli anziani, più complicato, visto il cambiamento di abitudini». Il personale impiegato nel servizio, grazie alla clausola sociale nel contratto, non subirà alcun cambiamento e passerà in blocco al nuovo gestore mantenendo lo stesso trattamento e gli stessi livelli di anzianità.

Contro l'affidamento al gruppo di imprese l'ex gestore, Energeticambiente ha presentato ricorso al Tar e al Consiglio di Stato e la decisione definitiva nel merito deve ancora venire. «I giudici non hanno concesso la sospensiva come chiedevano i ricorrenti - precisa Rubiolo - quindi abbiamo proceduto all'aggiudicazione dell'appalto». Il nuovo appalto prevede anche l'allungamento dell'orario di apertura delle isole ecologiche.

BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore