scarica l'app
MENU
Chiudi
21/12/2018

Parco Moneta, lavori fermi Si ritira la ditta: «C’è amianto»

Il Mattino

TRE ANNI E 6 MILIONI DI EURO DOPO SI BLOCCA IL CANTIERE PER TRASFORMARE LA EX FABBRICA IN UN POLMONE VERDE
IL CASO
Pino Neri
Per il momento è saltato il progetto del primo parco pubblico nella città tristemente nota per essere stata capitale nostrana del cemento selvaggio. È stato chiuso il cantiere, inaugurato tre anni fa dai bambini delle scuole e dal presidente di Legambiente Campania, Michele Buonomo. Un progetto importante: il primo polmone verde in un mare di cemento al posto di una fabbrica dismessa da tempo immemore. Ma si è ritirata la V.C. srl di Napoli ditta a cui il Comune aveva affidato i lavori, per un importo di 2 milioni e 700mila euro, dopo aver pagato 3milioni e mezzo di esproprio ai costruttori casalnuovesi proprietari della fabbrica.
Troppi intoppi e troppi inghippi avrebbe incontrato la V.C. sul percorso che avrebbe dovuto trasformare la ex fabbrica di pentole Moneta in un'area vivibile. Spiegano all'ufficio stampa del sindaco, Massimo Pelliccia: «è stato trovato amianto nel sottosuolo per cui la società non può sopportare i costi della bonifica».
IL NODO
Nel rapporto consegnato al Comune dal direttore dei lavori, l'architetto Sergio Wirz, è scritto sostanzialmente che «la gran parte delle opere finora svolte, tutte consistenti nella sola demolizione della ex fabbrica, è stata appannaggio di un sub appalto affidato dalla stessa ditta che si è appena ritirata». E si tratta di un sub appalto molto chiacchierato: il sub appalto che ha ricevuto dalla società di Napoli il compito di demolire è un'azienda di costruzioni del Casertano il cui titolare è stato indagato nel 2012 dalla direzione distrettuale antimafia di Napoli per i suoi rapporti con il boss di Pignataro Maggiore, Pietro Ligato, considerato dagli inquirenti testa di ponte dei corleonesi e del clan Nuvoletta di Marano. Ma questa è un'altra storia. «O forse no affermano consiglieri comunali che vogliono conservare l'anonimato dobbiamo vederci chiaro. Non deve finire qui». Sempre nel rapporto che spiega i motivi ufficiali del flop del parco pubblico, l'architetto Wirz afferma che è stato il ritrovamento di alcune vasche di amianto con liquidi chimici a rappresentare un ostacolo invalicabile a causa dei costi e delle prescrizioni per la rimozione. La domanda sorge spontanea: «Non si poteva prevedere prima la presenza di amianto, visto che La Moneta era una fabbrica di pentole risalente a 60 anni fa, periodo in cui il pericoloso isolante era ancora ben lungi dall'essere messo al bando?». Su questo punto la replica dell'addetto stampa del sindaco è stata sicura e documentata: «I geologi che hanno effettuato i carotaggi nel 2012 non hanno rilevato la presenza di amianto». L'amministrazione afferma di essere in possesso del documento che dimostrerebbe quanto sostiene. Un'affermazione che fa ricadere la responsabilità del flop sul sindaco precedente, Antonio Peluso, attuale consigliere comunale di opposizione. «Comunque rifaremo la gara d'appalto l'annuncio dal municipio il cantiere del parco riaprirà».
© RIPRODUZIONE RISERVATA