scarica l'app
MENU
Chiudi
06/04/2020

APPALTI IN EMERGENZA: GLI ORIENTAMENTI DELLA COMMISSIONE EUROPEA

APPALTI IN EMERGENZA: GLI ORIENTAMENTI DELLA COMMISSIONE EUROPEA

Per fronteggiare la grave crisi sanitaria ed economica causata dal COVID-19 che imperversa ormai in tutta la Comunità Europea, la Commissione ha varato una comunicazione “Orientamenti della Commissione europea sull’utilizzo del quadro in materia di appalti pubblici nella situazione di emergenza connessa alla crisi da Covid - 19” pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale dell’UE in data 1 aprile 2020. dl

Lo scopo degli orientamenti della Commissione, che non modificano il quadro giuridico interno, è quello di fornire un prospetto utile e dettagliato in materia di appalti pubblici data la situazione di emergenza.

Il comunicato contiene infatti al suo interno una serie di direttive, opzioni, raccomandazioni e margini di manovra possibili nel settore degli appalti per l’acquisto di forniture, servizi e lavori necessari per affrontare la crisi.

Particolare attenzione viene dedicata agli appalti in casi di estrema urgenza che dato l’alto grado di impellenza, consentono agli acquirenti pubblici di effettuare acquisti anche nel giro di pochi giorni o poche ore se necessario (a titolo esemplificativo, nel punto 2.3.1. tra gli eventi imprevedibili per l’amministrazione aggiudicatrice vengono annoverate “le esigenze specifiche degli ospedali e di altre istituzioni sanitarie in relazione alla fornitura di cure, dispositivi di protezione individuale, ventilatori polmonari, posti letto supplementari e infrastrutture ospedaliere e di terapia intensiva aggiuntive, comprese tutte le attrezzature tecniche, non potevano certamente essere previste e pianificate in anticipo e dunque costituiscono un evento imprevedibile per le amministrazioni aggiudicatrici”).

In  concreto, tra le varie opzioni da prendere in considerazione sul punto, viene suggerito agli acquirenti pubblici, in caso di urgenza, di ridurre considerevolmente i termini per accelerare le procedure aperte o ristrette ovvero ricercare delle soluzioni alternative al fine di interagire con il mercato.

Tra queste viene annoverata la procedura negoziata senza previa pubblicazione ex art. 32 della Direttiva 2014/24/UE, che consente agli acquirenti pubblici in maniera molto più rapida e snella di negoziare direttamente con i potenziali candidati senza obblighi di pubblicazioni o vincoli procedurali.

Analizzando più nello specifico il contenuto del documento, al punto 2.1. del comunicato la Commissione si occupa dalla “Scelta delle procedure in generale” richiamando il contenuto dell’art. 26 della Direttiva in relazione alle procedure aperte (35 giorni per la presentazione delle offerte ex art. 27 della Direttiva 2014/21/UE) e a quelle ristrette (prevedendo un termine che può essere ridotto fino a 10 giorni se tale opzione è previsto dalla legislazione nazionale).

Qualora sussistesse invece un caso di urgenza, richiamando il contenuto della Direttiva, la Commissione prevede una sostanziale riduzione dei termini generali.

Sono infatti previste, al fine di consentire una più rapida aggiudicazione dell’appalto, una riduzione di 15 giorni per la presentazione dell’offerta in caso di urgenza motivata per la procedura aperta, ed analoga riduzione per quella ristretta (rispettivamente di 15 giorni per la fase di presentazione della domanda di partecipazione e 10 giorni per la presentazione dell’offerta).

L’ultima parte del comunicato è invece dedicata ai casi di estrema urgenza e alla procedura negoziata senza previa pubblicazione.

In questo caso, l’eccezionalità della situazione giustificherebbe la deroga al principio della trasparenza sancito dai Trattati comunitari, ed è proprio in questo frangente che la Corte di Giustizia impone che tutte le condizioni del caso debbano essere interpretate cumulativamente ed in maniera restrittiva.

Avv. Giuseppe Imbergamo, Studio Legale Piselli&Partners

Partecipa al webinar "Appalti in situazioni di emergenza" per avere una panoramica chiara e dettagliata del diritto vigente.

Scarica qui la brochure ed iscriviti!

 

 

 

 

 

Ti potrebbe interessare...