MENU
Chiudi
23/07/2018

Vedere oltre le culture. Il progetto del Festival …

Area

Vedere oltre le culture. Il progetto del Festival della Comunicazione 2018. Giunge all'edizione numero5 il Festival della Comunicazione di Camogli. Una manifestazione ideatae voluta dal compianto Umberto Eco, padrino della manifestazione,e curata con intelligenza ed esperienza da Danco Singere Rosangela Bonsignorio. Il Festival si appropria, nel 2018, dei temi della narrazione, del sognoe della fantasiaa partire da un termine ricco di signifi cati: Visioni. La rassegna si è ormai ritagliata uno spazio di unicità nel panorama nazionale dei festival culturali,e invade tra il6e il9 settembre la città di Camogli, occupando strade, piazzettee vicoli, tra la riva del maree il cuore del borgo ligure che nel frattempo è cresciuto, riaprendo il proprio Teatro Sociale: una sfi da diffi cile, ma anche una testimonianza di quanto la cultura possa offrire opportunità di sviluppo. Le Visioni colgono un tema strategico per la contemporaneità, declinato dagli ospiti attraverso numerose discipline: Si inizia il6 settembre con la lectio magistralis di Renzo Piano, che riconduce il tema della visione all'ideae alla concretezza del progetto costruito, ma anche alla speranza di un mondo migliore. "L'architettura- secondo Renzo Piano-è una sfi da in quanto dà formaa un cambiamento, maè anche sofferenza e incertezza,e per questo l'architetto deve avere una visione che possa dare concretezza alla memoria". Oltre 100 ospiti portano il punto di vista personalee della propria disciplina sullo stesso tema. Da Piero Angelae Alessandro Barbero,a Giovanni Allevi, Monica Maggioni, Gabriele Muccino, Andrea Riccardi, Federico Rampini. Conferenze, spettacoli, pièce teatrali, interviste con una decisa connotazione di spettacolo, sono occasioni che si susseguono nei quattro giornie aprono unafi nestra sulla contemporaneitàe sulle visioni, ma anche sui sentimenti vissuti e comunicati. Il coinvolgimento delle universitàe il lavoro di oltre 100 volontari tra cui molti studenti universitari, rende possibile arricchire l'offerta di laboratori e visite didattiche peri più piccolie per le famiglie. L'organizzazione, curata da Frame( www.framecultura.it) con il contributo del Comune di Camogli, si basa unicamente sulle sponsorizzazioni consentendo di offrire gratuitamente al pubblico l'intero programma di eventie manifestazioni. Il sito internet del Festival: www. festivalcomunicazione.it, nonè una semplice vetrina, ma si trasforma in uno strumento eccezionale per la comunicazione, che cambia in continuazione: si trovano le schede degli gpg eventi, le biografie dei protagonisti, i contatti per diventare volontarie per collaborare alla buona riuscita della manifestazione, ma il sitoè soprattutto un potente strumento multimediale. Durante le giornate del festival si trasforma in uno spazio di condivisione aggiornato in tempo reale dove assistere anche in streaming ai diversi eventie scoprire eventuali variazioni di programmao le ultime novità sui laboratori didattici. Allafi ne del festival la pagina web diventa una potente banca datie un archivio eccezionale, mettendoa disposizionei video delle intervistee le conferenze di tutte le passate edizioni, che diventano un patrimonio collettivo e un'occasione di conservare memoria delle sfi de del nostro tempo. Nuovi strumenti per un progetto attualee sostenibile. Building Information Modeling. Un vocabolo recente, destinato ad entrare nell'esperienza quotidiana di tantissimi architettie destinatoa modifi care il progetto nel prossimo futuro. BIM, acronimo di Building Information Modeling, defi nisce uno strumento digitale innovativo per il disegno, la modellazionee la gestione del progetto, che consente un controllo completo sulle diverse fasi del processo: dall'ideazione all'elaborazione degli schemie disegni esecutivi, costruendo simulazioni attendibili della realtà, e collegando tuttii dati rilevanti al processo di crescita dell'edifi cio, per poi svilupparei calcoli relativi alle strutture, alle tecnologie utilizzate, al controllo del processo di cantiere, ai successivi costi di manutenzione. Grazie al BIM, gli strumenti digitali per il progetto passano defi nitivamente dal mondo bidimensionale a quello tridimensionale,e ampliano gli orizzonti dalla disciplina, muovendosi dal campo della rappresentazione tipico degli strumenti CAD (Computer Aided Design),a quello della prototipazione, che costruisce attendibili modelli virtuali, per sviluppare e comparare soluzioni alternative,fi noa rendersi un indispensabile ausilio nella progettazione, gestionee manutenzione dell'edifi cio. La storia del BIM inizia nei settori accademici specializzati, dallafi ne degli anni Settanta, ma soloa partire dalla fi ne degli Ottanta si muovonoi primi concreti passi, quando la softwarehouse Graphisoft( www.graphisoft. com ), commercializza il programma di modellazione virtuale Archicad proponendo un'idea innovativa di edifi cio virtuale che favorisce l'interazione tra strumenti di disegnoe modellazione architettonica, dati ingegneristicie tecnologici,e culmina con la gestione integrata del processo progettuale. La normativa che regolamenta l'utilizzo del BIM consente di fare un passo avanti nella diffusione del sistema digitale. La Comunità Europea, ne riconosce formalmente l'importanza grazie alla direttiva European Union Public Procurement Directive 2014/24 del 26 febbraio 2014. Il documento prescrive agli Stati membri di favorire, entro il 2014 un'attivazione diffusa degli strumenti software voltia "incoraggiare, specifi careo imporre" il BIM nelle discipline del progetto. Anche in Italia, dopo l'attuazione del nuovo Codice degli Appalti, da esplorare all'indirizzo web: www.codiceappalti.it si accelerat sull'adozione del BIM come strumento operativo per il progetto, grazie al lavoro della commissione guidata da Pietro Baratono, che ha sottopostoi risultatia una consultazione di esperti. Il testo che neè emerso impone l'uso obbligatorio del Building Information Modeling peri lavori pubblici, seguendo un dettagliato cronoprogramma. Dal gennaio 2019 il BIM sarà obbligatorio nella progettazione di opere con importo superiore ai 100 milioni di euro, l'anno successivo il gap passaa 50 milioni,e così viafi no al 2025, quando tutte le opere pubbliche con importo superiorea1 milione di euro dovranno essere progettate questa tecnologia. Software come Archicad di Graphisoft; Revit di Autodesk(k www.autodesk. it ), Edifi cius di Acca (www.acca. it), ma anche Revit, Archicad, DDS CAD, Tekla, and Nemetschek VectorWorks si stanno preparando per questo passaggio, con aggiornamenti costanti, ma anche versioni "educational", che favoriscono l'apprendimento dei nuovi strumenti di modellazione. Molte associazioni di architetti ed ingegneri prevedono corsi base di formazione gratuita all'utilizzo dei principali programmi di modellazionee gestione nell'ambito della formazione continua. Eppure anche nel settore del Building Information Modeling esistono programmi freeware ed open source, che permettono di sperimentare il nuovo metodo progettuale evitando di intraprendere fin da subito cospicui investimentie concentrandosi invece sull'apprendimento metodologico, che prevede diverse possibilità di confi gurazionee uso del programma, gli strumentiei supporti alle diverse fasi del progetto, la personalizzazione dell'interfaccia grafi ca. Alcuni software supportano l'interazione tra progettisti mettendoa disposizione programmini gratuiti che permettono di visualizzarefi le creati con strumenti BIM; altri software permettono di trasformare fi les CAD in documentia cuiè possibile applicare le metodologie BIM; vi sono infi ne pacchetti software di Building Information Technology che favoriscono un'esperienza base oppure avanzata del nuovo metodo, alfi ne di preparare per la progettazione del prossimo futuro. Il programma BIMx dix Graphisoft (www.graphisoft.com/bimx ),è un'applicazione messaa disposizione gratuitamente dalla nota softwarehouse, per poter visualizzare sui dispositivi mobili Androide Applei documenti creati con il software Archicad, interagendo con essi, stampandone parti, navigando tra le diverse viste del modello, ed accedendo con facilità ai dati, ai calcoli strutturali, ai pacchetti tecnologici di paretie solai. Il software promette una facile interazione sia con gli strumenti di revisione rapida del progetto, sia con lo strumento di archiviazione digitale BIMcloud, che consentea utenti diversi di lavorare contemporaneamente sullo stessofi le anche in contemporaneamente. Il semplice l'applicativo prodotto in Polonia con il nome BIM Vision (bimvision.eu) offre in modalità libera da dirittie non commercializzabile, un visualizzatore di fi le formato IFC (acronimo di "Industry Foundation Classes"). L'estensione identifi ca un modello di dati aperto standardizzato, che rappresenta il formato di scambio dati preferenziale per il mondo della progettazione BIM orientede nell'industria delle costruzioni. STR Vision CPM, aprefi le in formato IFC esplorai modellie consulta immaginie proprietà degli oggetti. BIM Vision lavora con PCe Tablet windows, tralasciando, di fatto, tutto il mondo Apple.Esistono anche programmi per la creazionee gestione di fi les IFC, completamente liberi da installare e utilizzare per provare un'esperienza completa del metodo BIM. Per esempio BIM Server, disponibile da scaricare ed usare liberamente anche per l'attività professionale, sul sito web bimserver. org. Lafi losofia con cui nasce una tale propostaè la costruzione di una piattaforma condivisa per il progetto, punto d'incontro per progettistie sviluppatori, che facilita il dialogo sulle funzioni necessarie al progettoe sulle possibilità di crescitae sviluppo. Il programma ha molteplici interfacciae protocolli di rete che consentono ad ogni professionista una elevata libertà nella confi gurazione e nell'elaborazione progettuale, anche grazie al dialogo tra programmatorie utilizzatori. Il softwareè pubblicato con licenza GNU Affero GPLv3 license, che permette alla comunità degli sviluppatori di modifi care liberamentei codici sorgenti, ma non di commercializzarei risultati. 1

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore