MENU
Chiudi
07/09/2018

Insegnare l’italiano ai migranti

ItaliaOggi - Pagina a cura DI MASSIMILIANO FINALI

Lo stanziamento operativo pesca nel Fondo asilo, migrazione e integrazione 2014-2020
Fondo da 4 mln per i progetti sperimentali degli enti
Insegnare la lingua italiana ai migranti è l'obiettivo di uno stanziamento attualmente operativo a valere sul fondo asilo, migrazione e integrazione 2014-2020. Il ministero dell'interno riceve le domande relative a due bandi specifici, di cui uno rivolto direttamente agli enti locali e l'altro rivolto alle regioni. Gli enti locali possono presentare progetti sperimentali attingendo ad un fondo da 4 milioni di euro, mentre le regioni hanno a disposizione gli ultimi giorni per partecipare ad un bando da 36 milioni di euro. I bandi sostengono la formazione linguistica dei cittadini di paesi terzi regolarmente soggiornanti, nella consapevolezza che la conoscenza della lingua rappresenta uno strumento fondamentale per favorire l'inserimento sociale e l'esercizio dei diritti e doveri dei migranti, ai fini della promozione della civile convivenza nella società ospitante. Quattro milioni di euro per la formazione sperimentale I servizi sperimentali di formazione linguistica sono finanziati attraverso l'avviso pubblico per la presentazione di progetti sull'obiettivo specifico 2 del fondo asilo, migrazione e integrazione 2014-2020. Sono ammessi a presentare proposte progettuali, sia in qualità di capofila che di partner, gli enti locali, loro unioni e consorzi, ovvero loro singole articolazioni purché dotate di autonomia organizzativa e finanziaria, istituti e scuole pubbliche università, organismi ed organizzazioni internazionali, enti pubblici, nonché altre enti e associazioni privati, su tutto il territorio nazionale. È ammessa la presentazione di un'unica proposta progettuale in qualità di soggetto proponente unico o capofila di soggetto proponente associato; tutti i soggetti possono invece partecipare in qualità di partner a più proposte progettuali. Sono finanziabili progetti volti a promuovere l'attivazione di percorsi di carattere sperimentale, in grado di raggiungere efficacemente il target di riferimento, anche valorizzando il ruolo delle associazioni di cittadini di paesi terzi. A titolo esemplificativo, possono essere finanziati percorsi di formazione linguistica destinati a cittadini di paesi terzi del tutto privi di formazione scolastica e per persone con difficoltà di apprendimento, oltre che corsi di formazione linguistica professionalizzanti aventi ad oggetto il vocabolario tecnico e utilizzabile nel contesto lavorativo. Possono inoltre essere finanziati percorsi di rafforzamento delle competenze linguistiche e di sostegno all'accesso ai servizi scolastici e formativi e percorsi di formazione linguistica attuati attraverso la realizzazione di corsi di prossimità, attraverso modalità innovative, oltre che corsi modulari, corsi che prevedano la frequenza in orari serali, extra-scolastici e/o nei giorni festivi. Le attività progettuali dovranno concludersi entro il 31 dicembre 2021. Il budget complessivo di ogni progetto proposto, a pena di inammissibilità, non deve essere inferiore a 50 mila euro; il contributo può coprire fino al 100% della spesa ammissibile. Le proposte progettuali potranno essere presentate fino al 4 ottobre 2018. In scadenza il bando rivolto alle regioni Il bando finanzia la realizzazione di piani regionali per la formazione civicolinguistica dei cittadini di paesi terzi, questi devono essere progettati ed attuati in conformità con le indicazioni contenute nelle «linee guida per la progettazione dei piani regionali per la formazione civico linguistica dei cittadini di paesi terzi 2018-2021», approvate dal ministero dell'interno. Sono a disposizione fondi per 36 milioni di euro che regioni e province autonome possono richiedere direttamente, coinvolgendo come partner anche gli enti locali. Anche questo bando consente di coprire interamente i costi ammissibili attraverso il contributo a fondo perduto del fondo «Fami». I progetti possono avere una durata fino al 31 dicembre 2021. La scadenza per presentare telematicamente le proposte è prevista al 10 settembre 2018.

a cura di CLUB MEP

MANAGER E PROFESSIONISTII NETWORK WWW. CLUBMEP. IT T EL. +39 02 42107535 M AIL: INFO@ CLUBMEP. IT

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore