scarica l'app
MENU
Chiudi
01/09/2018

I licei scoppiano, problemi di aule Tanti cantieri alle scuole comunali

QN - Il Resto del Carlino

L'ANNO SCORSO alle superiori di Cesena fu quello della rivoluzione delle sedi scolastiche, quest'anno quello del valzer delle presidenze. Oggi, primo giorno del nuovo anno scolastico 2018-2019 - ma le lezioni prenderanno il via lunedì 17 settembre - si insediano quattro nuovi dirigenti alle superiori e due alle medie inferiori (questi ultimi in qualità di presidi reggenti, cioè già titolari di un'altro istituto). Lunedì si svolgeranno molti collegi docenti inaugurali e partiranno gli esami per gli allievi sospesi nel giudizio a cui seguiranno quelli che per gli studenti che vogliono cambiare istituto. LORENZA Prati prende oggi possesso del liceo scientifico Righi, proveniente dal Versari-Macrelli a rilevare Dea Campana andata in pensione; Simonetta Bini del liceo classico Monti, arrivata dal Versari-Macrelli, al posto di Giancarlo Domenichini, in pensione anch'egli da oggi. Valentina Biguzzi è la nuova dirigente del liceo linguistico Alpi, proveniente dall'istituto comprensivo Rosetti di Forlimpopoli di cui conserva la reggenza. Giuseppe Messina è divenuto preside al Versari-Macrelli, proveniente dalla Direzione didattica del terzo ciclo. Due nuovi timonieri si insediano oggi anche per in scuole medie inferiori: Simonetta Bini, che oltre a guidare il liceo classico ha in capo come seconda scuola la media di via Anna Frank con tre plessi e Mauro Tosi, dirigente del Marie Curie di Savignano a cui è stata affidata in reggenza la scuola media di via Pascoli, sempre con tre plessi. Nuovi dirigenti anche in alcuni istituti comprensivi e in direzioni didattiche, sempre avvalendosi delle reggenze. ALLE superiori restano invariati i presidi di Agrario e Geometri Camillo Giorgi, e di Iti Pascal-professionale Comandini (divenuta scuola unica con la fusione come il Versari-Macrelli), Francesco Postiglione. Invariato anche il dirigente della scuola terza scuola media inferiore cittadina, di via della Resistenza, Marco Ruscelli. Sul piano invece dell'edilizia scolastica delle superiori, in capo alla Provincia, viene confermato l'assetto entrato in vigore l'anno scorso col polo liceale nella zona ferroviaria e quello tecnico nell'area attorno all'hotel Casali, a parte l'istituto Agrario nel suo splendido isolamento di via Savio al quale sono stati destinati i fondi per la costruzione di un altro edificio per sopperire alla carenza di locali, dopo l'escalation di nuove iscrizioni negli ultimi anni. «Non ci sono sofferenze importanti quest'anno - informa il consigliere provinciale Monica Rossi, responsabile per l'edilizia scolastica nel territorio cesenate - I tre licei risolveranno in autonomia non seri problemi relativi alla necessità di qualche aula visto il perdurare di molte iscrizioni, ma non si dovrà ricorrere ad altri locali esterni. Comunque, per ogni evenienza, il Comune di Cesena ha messo a disposizione aule libere alla media Plauto. Per quel che riguarda le migliorie agli edifici condurremo monitoraggi sulla tenuta antisismica delle scuole». Alcun edifici sono tuttavia in cronica sofferenza e l'anno scorso in ambienti del liceo scientifico Righi è piovuto dentro. SUL VERSANTE dell'edilizia scolastica degli edifici in capo al Comune durante l'estate sono stati eseguiti vari interventi, altri sono in corso e altri ancora sono stati programmati per un importo totale di due milioni. Miglioramento antisismico nei locali interni della scuola dell'infanzia di Macerone, dove vengono installati 13 tralicci metallici che rinforzeranno la struttura dell'edificio. Questo intervento non intralcerà l'attività didattica. Un progetto 'gemello' che si sta realizzando nella scuola per l'infanzia di San Mauro. In entrambi i casi, la conclusione dei lavori esterni è prevista nei primi mesi dei 2019. Più articolato l'intervento relativo alla scuola primaria Fiorita, anche in questo caso per ridurre il rischio sismico. Durante l'estate è stata messa in cantiere una prima tranche di lavori nell'ala che ospita le aule: oltre a rinforzare la struttura, si è provveduto anche a migliorarla da un punto di vista energetico realizzando il 'cappotto' e sostituendo gli infissi. L'intervento sarà completato la prossima estate. In vista del traguardo anche i lavori di miglioramento antisismico alla palestra scolastica di San Carlo. Sta per concludersi la progettazione esecutiva per l'avvio della gara d'appalto per il miglioramento antisismico della scuola media di viale della Resistenza e si sta aspettando, invece, che il Miur sblocchi i finanziamenti già assegnati, per l'avvio della gara d'appalto relativa al miglioramento antisismico ed energetico della scuola media di via Pascoli e dell'elementare Oltresavio. Andrea Alessandrini

È stato avviato l'iter per la costruzione di un nuovo edificio in aggiunta a quello esistente per l'istituto Agrario in via Savio, con un finanziamento ministeriale di quattro milioni di euro