MENU
Chiudi
27/09/2018

Boviar: 50 anni! Non Tremare!

Il Sole 24 Ore

Speciale GEOTECNICA, PERFORAZIONI E FONDAZIONI - Aziende Eccellenti / INFORMAZIONE PROMOZIONALE
La nostra sicurezza, già profondamente minata dalle ansie del lavoro, del futuro e dei fi gli è debilitata oggi ancor di più dalla mancanza di fi ducia che abbiamo nei confronti delle strutture che ci ospitano per vivere, studiare e lavorare. Non ci sentiamo più sicuri, neanche nelle nostre case, nelle fabbriche e per strada! La legislazione tecnica italiana prevede il controllo delle strutture costruite da circa 15 anni, dal rivoluzionario OPCM 3274 del 20/03/2003 alle ultime Norme Tecniche per le Costruzioni (NTC 2018) con il D.M. del 17/01/2018. In questo lasso di tempo la comunità scientifi ca e tecnica con il supporto del legislatore ha posto una grande attenzione al problema della sicurezza del Patrimonio esistente con capitoli interamente dedicati. Proprio dall'OPCM 2003 ed in tutte le edizioni delle NTC che si sono susseguite viene chiaramente defi nita l'importanza della vulnerabilità e durabilità del patrimonio costruito e riconosciuta, tecnicamente, la fase di verifi ca delle costruzioni esistenti, edifi ci, ponti, infrastrutture, e patrimonio monumentale che richiede l'analisi dello stato dei luoghi, il recupero delle informazioni disponibili e l'esecuzione di campagne di indagine per la caratterizzazione dei terreni e dei materiali attraverso una serie di metodologie di prove in situ sia distruttive che non distruttive, con un piano d'azione da concertare fra stato e regioni. Qualcosa è stato fatto, in qualche regione anche di più, ma da più parti si sono sollevate critiche per la qualità degli interventi eseguiti sia per la poca professionalità dimostrata dagli attori coinvolti che dai budget, veramente bassi, messi a disposizione dagli enti istituzionali. Da qui l'introduzione all'interno delle Norme Tecniche della richiesta di utilizzare personale esperto e qualifi cato nel condurre la fase di analisi per la conoscenza dei manufatti. Occorrerebbe anche una modifi ca al Codice degli Appalti che senza mettere in discussione il corretto, trasparente e legale iter delle procedure non permetta il micidiale "al massimo ribasso", nei bandi di valutazione del patrimonio costruito. È importante, ora, per il paese riconsiderare seriamente, non solo per l'alto profi lo sociale dell' azione di risanamento del patrimonio costruito ma anche per l'opportunità economica e di sviluppo che potrebbe rappresentare per il paese. Cerchiamo di non perdere ancora tempo utile. Un completo "check-up" dell'opera eseguito in un determinato momento della vita della struttura, consente di poter valutare la sua vulnerabilità all'invecchiamento, ai terremoti, e ad eventi meteorologici. Poter istruire il suo "fascicolo manutentivo" intervenendo, quindi, prima di tutto sul consolidamento strutturale laddove si rivelassero defi cienze e prevenire in seguito le variazioni delle sue condizioni statiche, quindi della sua sicurezza. Si rende oramai doveroso soddisfare l'obbligo non più procrastinabile, di eseguire le analisi di vulnerabilità del patrimonio del costruito con un Piano d'intervento di medio e lungo periodo che preveda secondo criteri prioritari di sicurezza il controllo degli edifi ci strategici (scuole ed ospedali già in corso) e di tutti gli altri. Sono disponibili strumenti legislativi, tecnologie diagnostiche e tecniche di consolidamento strutturali affi dabili per progettare indagini ed interventi, bisogna, allora per essere veramente operativi, avere una forte volontà politica non solo per trovare le risorse economiche ma per superare gli ostacoli rappresentati da lobbies di potere, avere un forte coinvolgimento, responsabile, dei tecnici degli enti pubblici che devono controllare (messi in condizione di poterlo fare) la adeguatezza dei progetti, delle indagini e dei lavori, avere dei professionisti che messi in grado economicamente ponessero in campo professionalità e impostazione multidisciplinare con il rispetto delle varie competenze. Anche l'industria deve fare la sua parte, l'investimento in innovazione diventa un obbligo, la conoscenza acquisita e lo scambio con gli scienziati del mondo accademico sarebbe un volano importante per l'esportazione di know-how, tecnologie e prodotti. L'anno prossimo compiremo 50 anni di attività. Di presenza, di lavoro, di buona volontà. BOVIAR opera dal 1969 sul mercato nella fornitura, e costruzione di strumenti ed apparecchiature per impieghi di diagnostica e monitoraggio nell'ambito dell'ingegneria civile, geotecnica ed ambientale: dalla valutazione della vulnerabilità al rischio sismico degli edifi ci al monitoraggio dei monumenti, dalla caratterizzazione dei materiali per costruire alla verifi ca dei pali di fondazione, utilizzando le tecniche dei controlli non distruttivi e sistemi versatili ed innovativi di monitoraggio. Per rispondere alle diverse esigenze dei suoi interlocutori e alle molteplici problematiche, Boviar si è costruita, in questi 50 anni di attività, un know-how unico diventando un "raccordo specialistico" tra progettisti, imprese e committenti, infatti, oltre alla fornitura di strumentazione, si occupa dello studio e dello sviluppo di soluzioni personalizzate ad hoc attraverso l'integrazione delle professionalità diverse dell'azienda ed il confronto tecnico con il cliente stesso in una logica di consulenza e di partnership. Diga di Chiauci Santuario Madonna delle lacrime NON TREMARE è il titolo di un Progetto di ricerca elaborato con il Politecnico di Milano tecniche innovative, speditive ed a costo contenuto di analisi di vulnerabilità di edifi ci in muratura. L'azienda considera importante e prioritaria la Ricerca sia interna che con terzi. Proprio per questo partecipa e promuove Progetti di Ricerca con principali Centri e Dipartimenti delle Facoltà di Ingegneria, Geologia, Geotecnica ed Architettura delle Università Italiane per: Progetti e Convenzioni di ricerca per lo sviluppo di nuove tecnologie e competenze, l'applicazione e la standardizzazione di strumenti e metodologie, mirati a tematiche principalmente connesse a: Nuove tecniche ed applicazioni diagnostiche e di indagine anche su materiali di recente introduzione Monitoraggio, sensori innovativi e gestione ed interpretazione dei dati Convenzioni di tirocinio/stage e borse di studio Società offre soluzioni alle esigenze di strumenti tecniche in grado di supportare gli addetti ai lavori ed i professionisti incaricati per quanto concerne: Diagnostica strutturale e dei materiali in situ Monitoraggio nel campo dell'ingegneria civile (edifi ci/infrastrutture), geotecnica ed ambientale Rilievo delle vibrazioni Esecuzioni di indagini georadar Prove di carico su solai Strumentazione per esecuzione di prove sperimentali Prove e monitoraggio dinamici monitoraggio strumentale può assolvere un ruolo fondamentale sia durante la costruzione che nella fase di esercizio. Nella fase costruttiva il monitoraggio permette di verifi care le ipotesi progettuali controllare le operazioni di realizzazione, mentre nella fase di esercizio consente di ottimizzare gestione della struttura e garantirne la sicurezza. Inoltre permette di mantenere sotto controllo eventuali fenomeni di degrado che si possono sviluppare a seguito di eventi catastrofi ci oppure durante la vita della struttura stessa; la loro comprensione e valutazione può costituire un valido aiuto nella corretta defi nizione degli interventi di manutenzione e ripristino. Oggi possiamo contare su metodi innovativi per il controllo ed il monitoraggio dei ponti e aiutare i tecnici specialisti a individuare un problema prima che questo diventi troppo grave. Boviar con i suoi partner tecnologici offre due diverse tecnologie adeguate rispettivamente al monitoraggio e all'ispezione di ponti e viadotti: 1. La tecnologia radar interferometrica che permette il monitoraggio delle deformazioni e movimenti (in regime sia statico che dinamico), non a contatto, senza cioè la necessità di installare sensori o rifl ettori direttamente sulla struttura da monitorare 2. La tecnologia GPR (Ground Penetrating Radar) che permette l'analisi non invasiva delle condizioni interne delle strutture in calcestruzzo Ulteriori servizi proposti dall'Azienda riguardano il noleggio di apparecchiature e/o l'erogazione di corsi di formazione per: • indagini su cls e muratura • sclerometriche • pacometriche • soniche ed ultrasoniche • prove di deformabilità con martinetti piatti • indagini georadar • prove di carico e di integrità dei pali • monitoraggio strutturale in campo statico e dinamico • monitoraggio in campo geotecnico ed ambientale NON TREMARE Rilievo delle vibrazioni degli stralli con interferometro. Valencia (Spagna)

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore