MENU
Chiudi
30/08/2018

Agricoltori e allevatori, un bando per garantire la sostenibilità globale

Il Gazzettino

SAN GIORGIO
Il progetto Pais di rusic amor è promosso da 18 partner tra cui l'amministrazione comunale di San Giorgio della Richinvelda, cioè una delle comunità con le maggiori realtà agricole della regione. Assieme all'ente locale ci sono istituti scolastici (Isis Il Tagliamento), l'Azienda sanitaria 5 Friuli Occidentale, PromoTurismo - Fvg, il Consorzio turistico delle Proloco dello Spilimberghese - Arcometa - e il Comitato regionale del Friuli Venezia Giulia dell'Unione nazionale delle Proloco d'Italia, Il Forum nazionale dell'Agricoltura sociale, Confcooperative Friuli Venezia Giulia, la Camera di commercio e la sua Azienda speciale ConCentro. Capofila è il Comune di Spilimbergo. Il bando riguardante il Miglioramento delle prestazioni e della sostenibilità globale delle imprese agricole è rivolto a imprese individuali o societarie e a cooperative agricole di produzione che svolgono come attività principale la coltivazione del terreno o l'allevamento di animali. Attraverso questo bando verranno finanziati interventi che potenziano e migliorano la competitività di imprese agricole salvaguardando il patrimonio agro-ambientale in cui le aziende operano. Inoltre, sono finanziabili interventi rivolti allo sviluppo di mercati locali/e filiere corte tra produttore e consumatore. Saranno favoriti gli interventi finalizzati alla riduzione degli impatti ambientali e all'efficentamento energetico; al miglioramento del paesaggio e alla mitigazione della propagazione di rumori ed emissioni odorigene e gassose; allo sviluppo di forme di vendita diretta e alla partecipazione ai mercati locali. Ci sono anche bandi per diversificazione in attività agrituristiche, didattiche e sociali e per lo sviluppo di nuovi prodotti. Infine, vengono incentivati servizi di base a livello locale per la popolazione rurale. Attraverso quest'ultima proposta vengono finanziati interventi volti a rafforzare la coesione sociale e contrastare gli effetti negativi dell'incerta congiuntura economica, sostenendo investimenti per la creazione, il miglioramento o l'espansione dei servizi di base locali, includendo quelli connessi al tempo libero e alla cultura; ma anche interventi volti a valorizzare le risorse produttive, turistiche, ambientali, culturali, archeologiche e paesaggistiche presenti in tali aree, nonché il miglioramento delle condizioni professionali e l'incremento delle opportunità d'impiego per i giovani nelle zone rurali; interventi per il recupero, l'adeguamento e il riuso di beni immobili destinati all'attività di erogazione di servizi con finalità sociale o per lo sviluppo di iniziative di integrazione socio-ricreativo e socio-culturale. Possibili anche interventi finalizzati a realizzare o ad attrezzare spazi fisici da destinare a iniziative di integrazione socio-ricreativo e socio-culturale, compresi gli orti sociali. E' possibile partecipare ai vari bandi presentando domanda entro il 14 settembre.
L.P.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore