MENU
Chiudi
20/07/2018

Abusivismo, più controlli e sanzioni Il piano del Comune sulla sicurezza

Corriere Adriatico

I residenti di via Venezia si sono tagliati l'erba da soli al parco giochi vicino l'asilo Lavoro da encomio
LA PREVENZIONE
PORTO SANT'ELPIDIO Il Ministero dell'interno ha promosso un bando volto al finanziamento di iniziative orientate alla prevenzione e al contrasto dell'abusivismo commerciale e della contraffazione. Il progetto, denominato Spiagge sicure Estate 2018 si rivolge alle amministrazioni pubbliche che intendono realizzare iniziative e azioni funzionali al contrasto, al monitoraggio e al controllo del fenomeno dell'abusivismo commerciale, mediante l'adozione di piani di intervento che garantiscano presidi diffusi e sistematici sugli arenili, attività di controllo sulla presenza di immigrati irregolari.
I fondi
Anche il Comune di P.S.Elpidio ha presentato domanda per poter ottenere finanziamenti per questo bando che è scaduto l'altro ieri. Nello specifico il progetto, presentato dall'amministrazione comunale, prevede il potenziamento dei servizi di presenza sul territorio nelle zone maggiormente esposte al fenomeno come ad esempio: il centro città e il borgo marinaro soprattutto nei giorni dei mercatini del giovedì e della domenica; il lungomare sud che ospita la manifestazione commerciale serale estiva del venerdì e il lungomare nord nel giorno del mercato serale del martedì .
Presidio permanente
Il personale presidierà il territorio sia per prevenire il posizionamento al suolo della merce contraffatta sia per reprimere i tentativi di vendita. I trasgressori verranno sanzionati secondo le vigenti norme penali e amministrative. Per la realizzazione delle azioni di contrasto il Comune ha già provveduto all'assunzione a tempo determinato di quattro agenti della Polizia Locale per 6 mesi ognuno. Inoltre, al fine di sensibilizzare la cittadinanza sull'argomento, sono state intraprese iniziative di promozione della cultura della legalità come ad esempio l'installazione di una apposita segnaletica nelle aree interessate per scoraggiare il fenomeno; l'attuazione di campagne di sensibilizzazione e informazione rivolte ai cittadini per comunicare quali sono i rischi e le sanzioni che scaturiscono dall'acquisto di merce contraffatta; l'effettuazione di corsi di educazione alla legalità nelle scuole primarie e secondarie; la realizzazione di incontri tra amministrazione comunale e associazioni di categoria, la pubblicazione sul sito web del Comune degli interventi più significativi realizzati nell'ambito del progetto e la realizzazione di un incontro pubblico al termine del progetto al fine di informare la cittadinanza sui risultati conseguiti.
Gli obiettivi
«L'obiettivo spiega il sindaco Nazareno Franchellucci è quello di prevenire, contrastare e ridurre il fenomeno dell'abusivismo commerciale e aumentare la percezione di sicurezza dei cittadini oltre a promuovere una cultura della legalità. Da diversi anni nella nostra società si stanno riverberando gli effetti di complesse problematiche di ordine mondiale». «Le migrazioni di centinaia di migliaia di persone, spesso in fuga dalle drammatiche realtà dei propri Paesi, stanno determinando conseguenze sull'intero tessuto sociale italiano. La responsabilità della gestione di tali criticità sta ricadendo nella dimensione locale, verso la base delle Istituzioni: le città e i sindaci. Vorrei rivolgere un plauso al comandante e agli agenti della nostra Polizia Municipale che hanno redatto il bando in tempi davvero stretti al fine di poter avere l'opportunità di reperire risorse utili per la realizzazione del progetto».
La spirale
«E' in atto - aggiunge l'assessore alla sicurezza e vitaliano Vitaliano Romitelli - una radicale mutazione del tessuto sociale e culturale e i fenomeni connessi a tale cambiamento sono capaci di generare una perversa spirale, caratterizzata da criticità di diversa natura e fortemente dannose per la qualità della vita nelle città: marginalità sociale, microcriminalità, reati predatori, disordine urbano, devianza minorile, diffusione della cultura della violenza, clandestinità, abusivismo commerciale e illecita occupazione di spazi pubblici».
Veronica Bucci
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore