scarica l'app
MENU
Chiudi
14/11/2019

Zona 167, via libera alle palazzine

La Gazzetta Del Mezzogiorno

OSTUNI FINALMENTE UNA SVOLTA NEL PROGETTO AVVIATO NEL LONTANO 2008 E MAI PORTATO A TERMINE A CAUSA DI UNA SERIE DI INADEMPIENZE DELLE VECCHIE DITTE APPALTATRICI
Completamento possibile dopo che i cantieri sono rimasti fermi per anni
l OSTUNI. Per i lavori di completamento delle palazzine di Edilizia residenziale pubblica del piano di zona 167 dei nuclei A, B e C, la ditta campana «DI.GI.ALL.» di «Giovanni Di Girolamo snc» è stata autorizzata a sub-affidare all'impre sa «Calamo Giuseppe» di Ostuni, nella misura del 2%, i lavori riguardanti la predisposizione e realizzazione degli impianti idrici per un importo di 28mila euro, comprensivi di oneri di sicurezza al netto dell'IVA. La responsabilità per la buona esecuzione dei lavori rimarrà in capo alla ditta «DI.GI.ALL.» che ne dovrà rispondere all'ente appaltante Fu la delibera di Giunta n. 1399 del 6 luglio 2017 ad approvare il progetto esecutivo denominato «Esecuzione per il completamento delle palazzine A, B e C» per un intervento di edilizia residenziale pubblica nel piano di zona 167 in variante al PRG, per un importo di 2.413.072,68 euro. A seguito di procedura di gara d'appalto svolta dalla Stazione unica appaltante della Provincia di Brindisi, i lavori venivano aggiudicati al raggruppamento «DI.GI.ALL. di Giovanni Di Girolamo Srl» (capogruppo mandataria) di Giuliano (Campania) e ad «A.S. Appalti & Restauri SRL» di Castellana Grotte avendo ottenuto un punteggio finale di 69,555 punti, per l'importo di 1.708.857,04 euro oltre oneri di sicurezza per 40.620 euro non soggetti a ribasso e quindi per l'importo complessivo contrattuale di 1.749.477,80 euro oltre IVA (a seguito del ribasso offerto del 10,171% sull'importo a base di gara). L'impresa «DI.GI.ALL.» (capogruppo mandataria) subappalterà alla ditta «New Impiantistica s.r.l.» con sede in Barano d'Ischia (NA), parte dei lavori categoria OG1 (Lavori edili ecc.) inerenti la predisposizione delle linee elettriche degli impianti per un importo di 95mila euro al netto dell'Iva. Questo il lungo iter per la gara d'appalto tesa a terminare un cantiere avviato nel 2008 e relativo alle tre palazzine. Resterà invece in stand-by l'edificio D ed il «laboratorio di quartiere», un centro socio-culturale che rientrava nell'in tero progetto. La costruzione di questi nuovi alloggi deriva da un protocollo d'In tesa e successivo accordo di programma stipulato nell'ottobre 2005 tra il comune di Ostuni, la regione Puglia ed il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Il progetto in origine venne definito «Ostuni Città D'Arte». Diversi erano stati i ritardi accumulati dalle aziende che avevano vinto l'appalto originario per l'esecuzione delle opere e i lavori, bloccati per due volte a cause delle inadempienze delle ditte che si sono succedute. L'intera area, dove a breve riprenderanno le opere, negli ultimi 9 anni ha avuto uno sviluppo importante dal punto di vista urbanistico, con la realizzazione della piscina comunale e di una vasta area commerciale.

Foto: CASE ZONA 167 Completamento atteso da anni