scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
25/06/2021

Zogno aiuta le imprese Treviglio riduce la Tari

Eco di Bergamo

Sostegni
Dall'emergenza sanitaria a quella economica. Per fare fronte alle criticità causate dalla pandemia l'amministrazione comunale di Zogno ha messo a bando dei sostegni economici a fondo perduto: ne potranno beneficiare le attività che operano sul territorio comunale. La somma complessiva disponibile è di 70mila euro. L'iniziativa è curata dall'assessorato al commercio ed al turismo gestito da Giampaolo Pesenti che osserva: «La pandemia, come si spera e come si presenta la situazione, pare problema ormai in via di soluzione sul piano sanitario. Però se ne stanno ancora trascinando gli strascichi che hanno avuto pesanti ricadute su tante attività». E continua: «In questo momento sono state prese in considerazione tre aree o filiere e precisamente i servizi alla persona, la ristorazione che è strettamente collegata al turismo, il commercio ed i pubblici esercizi in genere». Il bando è sul sito del Comune e le domande vanno indirizzate sempre per via telematica. Le domande di accesso al contributo vanno presentate entro il 2 luglio.

Il Comune di Treviglio introdurrà agevolazioni per il pagamento della Tari 2021 alle utenze non domestiche e alle famiglie. Lo ha deciso la Giunta con intervento che prevede una riduzione (pari a circa metà tributo) della quota variabile alle utenze non domestiche che hanno subito forti restrizioni e chiusure forzate a causa della prolungata emergenza Covid: a questa misura si aggiunge la diminuzione del 15% della quota variabile a tutte le altre utenze non domestiche e alle famiglie. Le riduzioni, che saranno automaticamente applicate dal Comune nell'avviso di pagamento trasmesso tra luglio e agosto alle famiglie, richiedono uno stanziamento di 565mila euro: è finanziato per 270 mila euro da risorse comunali e per i rimanenti 295 mila da quelle statali messe a disposizione dei Comuni con il decreto «Sostegni Bis». «La zona bianca e la ripresa delle attività non cancellano le difficoltà economiche delle attività e delle famiglie - spiega l'assessore al Bilancio, Sabrina Vailati -, da qui le riduzioni, che sono un segnale per chi ha dovuto reinventarsi e adattarsi a nuove modalità organizzative per lavorare, e un aiuto alle famiglie trevigliesi».