scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
04/03/2021

Zingaretti sceglie i suoi candidati nelle grandi città d’intesa, quando è possibile, con il M5s

ItaliaOggi - MARCO ANTONELLIS

Non c'è pace nel Pd. Persino la recente intervista del sindaco di Firenze Dario Nardella sul Corriere della Sera è fi nita nel mirino. Due i punti fi niti sotto la lente di ingrandimento del Nazareno: il primo è la vicenda Renzi- Khasshogi, Per Nardella, Renzi è stato solo «intempestivo, ma il punto vero è che l'Italia deve giocare un ruolo di leadership nel medio oriente che adesso non ha». Insomma, si dice fra i parlamentari Dem vicino a Nicola Zingaretti, quasi una giustifi cazione. «I renziani nel Pd sono come Fonzie: lui non riusciva e dire scusa, loro non riescono a dire che Renzi sbaglia». Ma c'è un altro passaggio che ha fatto discutere dell'intervista di Nardella (che in molti vedono, in alternativa a Stefano Bonaccini per Base Riformista come probabile competitor di Zingaretti per la Segreteria del Nazareno): l'eliminazione del Codice degli appalti per la costruzione delle opere. Subito Salvini ci si è buttato sopra con una dichiarazione: «Anche il Pd (col sindaco di Firenze) chiede di cancellare il Codice degli Appalti per aprire i cantieri. Bene, avanti col Modello Genova». La stessa cosa aveva fatto tre giorni fa con l'apertura di Bonaccini sull'apertura dei ristoranti la sera. «Tra un po', invece che Base Riformista, dovremo chiamarla Base Leghista», chiosa sarcastico un esponente Dem della maggioranza. Nel frattempo Zingaretti tira dritto e si prepara alle amministrative della prossima primavera, Covid permettendo. I Dem sono convinti che a Roma il vero candidato delle destre sarà Bertolaso: «Ora lo tengono in Lombardia a favore dei telegiornali Mediaset per rifarsi un look. Ma poi lo paracaduteranno nella Capitale». Per Napoli invece sembra fatta per Roberto Fico mentre a Torino sta prendendo quota l'ex giocatore della Juventus Marchisio. A Bologna sembra fatta per lo zingarettiano Matteo Lepore, mentre a Milano c'è l'uscente Beppe Sala, che spesso si contraddistingue per i suoi attacchi al Pd e al Nazareno. © Riproduzione riservata