scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
22/05/2021

Zibaldone

Libero - ANTONIO SOCCI

SARÒ FRANCO Enrico Letta annuncia che vuole rendere il Pd «simpatico». È un problema antico. Luca Ricolfi nel 2008 scrisse il libro: Perché siamo antipatici? La Sinistra e il complesso dei migliori . Ma perché la sinistra è (o almeno si sente) antipatica? Si può forse trovare una risposta in due aneddoti raccontati da Franco Battiato in un'intervista al Fatto quotidiano (11/11/2015) riproposta in questi giorni: «Nel 1980» raccontava Battiato «alla fine di un'esibizione delirante con 5.000 persone, Dario Fo mi aspettò all'uscita del concerto. Mi disse: "I tuoi testi non mi piacciono". E io risposi: "E a me che cazzo me ne frega?". Eravamo sullo stesso piano, a quel punto. Ma non mi ritengo intoccabile, anzi. Se mi avesse criticato in un'altra maniera avrei anche apprezzato. È sempre il modo. Si può essere critici senza essere brutali. Una volta in motoscafo a Venezia ero con Nanni Moretti. Vide una ragazza corpulenta e la investì: "Ma non ti vergogni di pesare così tanto?". Rimasi di stucco». Ecco, al di là dei due personaggi in questione, forse Letta dovrebbe rinunciare proprio al connotato pedante e pedagogico tipico della sua area politica. La sinistra è come uno che entra nella tua vita (senza essere stato invitato) e pretende di "educarti" o "rieducarti", dicendoti perentoriamente quello che devi fare e pensare. Sarà per questo che non sprizza simpatia da tutti i pori? FUOCO DI PAGLIA Ha fatto clamore il sociologo Luca Ricolfi che, a Quarta Repubblica , ha dichiarato: «Sono in imbarazzo. Io sono culturalmente di sinistra, ma riconosco che la libertà di pensiero oggi è migrata da sinistra a destra». Ancora più forte, tempo fa, era stata Camille Paglia, una delle più lucide intellettuali americane: «La libertà di espressione era la vera essenza, l'anima della politica di sinistra degli anni Sessanta... per questo è stato incredibilmente scioccante per me il momento in cui i liberal americani hanno abbandonato il free speech negli anni Settanta e hanno inaugurato l'èra del politicamente corretto... la sinistra è diventata una polizia del pensiero stalinista che ha promosso l'autoritarismo istituzionale e ha imposto una sorveglianza punitiva delle parole e dei comportamenti». AUTOGOL Enrico Letta è voluto «andare apposta a Bruxelles», scrive La Stampa (20/5), per dire a Ursula von der Leyen: «L'Europa conti sull'appoggio del Pd alle riforme Draghi». L'Europa? Letta non ritiene che, delle riforme da fare in Italia, debba rendere conto anzitutto agli italiani? A parte il fatto che è tutto da verificare l'appoggio del Pd, per esempio, alla riforma della giustizia e del codice degli appalti, ma l'essere andato dalla Von der Leyen fornisce l'occasione, ai suoi avversari, per ribadire: «Il Pd conferma di essere il "partito straniero" in Italia». È un autogol clamoroso. Così Letta mostra di essere rimasto quello del pamphlet «Morire per Maastricht». A proposito: un capitolo di quel libretto era intitolato: «Elogio dei parametri di Maastricht». Oggi quei parametri, che tanto sono costati al popolo italiano (come tasse, disoccupazione, tagli alla sanità e alle pensioni), vengono bombardati proprio da Mario Draghi che ha dichiarato di non aver mai condiviso «le attuali regole di bilancio» e di volerle smantellare. Tale richiesta di sicuro sarà avversata dalla Germania (di cui la Von der Leyen è espressione). Questo è il problema del futuro della Ue. Cosa dice Letta in merito? Cos'ha detto alla Von der Leyen? Letta e il Pd staranno con la Germania o con Draghi e con l'Italia? www.antoniosocci.com © RIPRODUZIONE RISERVATA