scarica l'app
MENU
Chiudi
07/03/2020

Wifi4eu, 14,2 milioni in campo

ItaliaOggi - MASSIMILIANO FINALI

Il bando, alla quarta edizione, mette buoni da 15 mila € a disposizione delle p.a. locali
Connessioni gratuite installate negli spazi pubblici
Il quarto bando dell'iniziativa europea per installare il wi-fi negli spazi pubblici è stato annunciato dalla commissione europea. L'iniziativa, denominata «wifi 4eu», mette in campo fondi per 14,2 milioni di euro con l'obiettivo di distribuire poco meno di mille voucher ad altrettanti comuni sul territorio europeo. Il bando «wifi 4eu», giunto alla sua quarta edizione, promuove il libero accesso alla connettività wi-fi per i cittadini negli spazi pubblici, fra cui parchi, piazze, edifi ci pubblici, biblioteche, centri sanitari e musei, anche nei comuni italiani. Gli enti locali possono benefi ciare di un buono del valore di 15 mila euro, da utilizzare per installare apparecchiature wi-fi negli spazi pubblici all'interno dei comuni che non sono già dotati di uno hotspot wi-fi gratuito. La finestra per la presentazione delle richieste aprirà alle ore 13 del 17 marzo 2020 e chiuderà alle ore 17 del 18 marzo 2020, svolgendosi con modalità di click-day tramite il portale wifi 4eu.ec.europa. eu. Rispetto alle precedenti edizioni, per questo bando non è previsto un tetto massimo di voucher per ciascuno stato partecipante. Finanziabile l'accessibilità gratuita. Il bando «wifi4eu» attua un regime di sostegno alla fornitura di accesso internet di qualità elevata ai residenti locali e ai visitatori nei centri della vita pubblica locale. Tale connettività senza fi li locale, gratuita e senza condizioni discriminatorie, ha lo scopo di contribuire a colmare il divario digitale, in particolare nelle comunità che si trovano in condizioni di ritardo in termini di alfabetizzazione digitale, comprese le zone rurali e le località remote. Lo scopo del bando è migliorare l'accesso ai servizi online che innalzano la qualità della vita nelle comunità locali, facilitando l'accesso ai servizi. Grazie ai fi nanziamenti di wifi 4eu, i comuni di tutta l'Unione Europea possono fornire l'accesso a internet gratuito ai residenti e ai turisti o ai visitatori. I comuni sono selezionati in base all'ordine di presentazione delle domande; la commissione paga l'installazione, mentre il comune si fa carico delle spese operative, tra cui il mantenimento dell'accesso a internet per almeno tre anni. I residenti e i visitatori possono utilizzare le reti gratuitamente, senza pubblicità e senza riutilizzo dei dati a fi ni commerciali. Via libera ai comuni che non hanno ricevuto finanziamenti in precedenza. Ciascun comune può ricevere un solo buono per l'intera durata dell'iniziativa, pertanto le domande presentate da comuni che hanno già benefi ciato di un buono nel quadro di un precedente invito wifi4eu non saranno ammesse. La domanda può essere presentata unicamente da un comune o da un'associazione di comuni per conto dei propri membri, con sede in uno stato membro europeo, in Islanda o in Norvegia. I richiedenti devono essere inclusi in un elenco di comuni e di associazioni di comuni ammissibili, fornito unitamente al bando. Diciotto mesi di tempo per i lavori. Il buono wifi 4eu deve essere utilizzato per fi nanziare l'installazione di una nuova rete wi-fi pubblica, il potenziamento di una rete wi-fi pubblica esistente o l'estensione della copertura di una rete wi-fi pubblica esistente. I beneficiari, una volta ottenuto il voucher, dispongono di 18 mesi dalla data della fi rma da parte della commissione prima che l'Inea confermi da remoto l'operatività della rete wifi 4eu e faccia scattare il pagamento. Vengono inviati promemoria sei e tre mesi prima del termine. Per installare la rete wi-fi, i comuni devono individuare un'impresa di impianti wi-fi cui appaltare l'installazione conformemente alle norme nazionali in materia di appalti pubblici, designare i «centri della vita pubblica» in cui installare gli hotspot, accertarsi che l'identità visiva di wifi 4eu sia visualizzata negli spazi pubblici designati e completare l'iter di convalida sul portale, insieme all'impresa che si occuperà dell'installazione. È esclusa la sovvenzione retroattiva per azioni già concluse alla data di entrata in vigore della convenzione di sovvenzione. © Riproduzione riservata

a cura di CLUB MEP

MANAGER E PROFESSIONISTII NETWORK WWW. CLUBMEP. IT T EL. +39 02 42107535 M AIL: INFO@ CLUBMEP. IT