scarica l'app
MENU
Chiudi
03/07/2019

Volterra capitale della cultura: lettera al ministro

Il Tirreno

Il sindaco Giacomo Santi e l'assessore Dario Danti chiedono ad Alberto Bonisoli di fare chiarezza sul bando per le candidature per il 2021 l'iniziativa
VOLTERRA. Il Comune di Volterra si candida a diventare capitale della cultura 2021 e chiede al ministro dei Beni culturali Alberto Bonisoli di «fare chiarezza politica sulla continuità di questo progetto» e sapere se ci sarà l'apposito bando. È stato l'assessore alla cultura del colle etrusco, Dario Danti, in una lettera sottoscritta anche dal sindaco Giacomo Santi, a chiedere al ministero di uscire allo scoperto sui bandi in questione. «Siamo a luglio - scrivono Danti e Santi nella lettera a Bonisoli - e non vi è traccia del bando per la capitale italiana della cultura 2021. Il nostro è un appello congiunto affinché siano garantiti ai Comuni quei tempi tecnici adeguati alla progettazione e al coinvolgimento della cittadinanza. Qualora il bando dovesse subire ritardi e uscire dopo l'estate, le città si troverebbero in difficoltà. La nostra richiesta è dunque rivolta al ministero: si faccia chiarezza circa la volontà politica di portare avanti il progetto delle capitali italiane della cultura». «Vorremmo essere rassicurati che sia sua intenzione continuare l'esperienza delle capitali Italiane e dunque emettere il bando - si legge nella lettera firmata da Danti e dal sindaco Giacomo Santi -. Facciamo appello affinché siano garantiti ai Comuni tempi tecnici adeguati per la progettazione e il necessario coinvolgimento della cittadinanza. Se il bando dovesse ritardare e uscire dopo l'estate le città sarebbero in seria difficoltà nell'elaborare progetti coerenti ed adeguati. La nostra richiesta è dunque che il ministro ci possa rassicurare circa la sua volontà politica di portare avanti il progetto delle Capitali Italiane della Cultura». Intanto, per la città di Volterra, Danti ha già un'idea da tradurre in un progetto concreto di partecipazione al bando per ottenere finanziamenti: la Deposizione di Rosso Fiorentino (che nel 2021 compie 500 anni), un parco archeologico urbano e il teatro stabile nella Fortezza sono i tre perni attorno ai quali costruire la candidatura. -- BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI