scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
13/04/2021

VOLLEY Biagio Salvati Restituire il «Palavignola» …

Il Mattino

VOLLEY
Biagio Salvati
Restituire il «Palavignola» alla città di Caserta affidandolo a chi ha ancora interesse a subentrarvi nella gestione (come chi aveva tentato di farlo in precedenza), o indire una nuova gara per individuare una gestione «ex novo» da parte di un privato che da contratto consenta la fruizione pubblica e conceda quanto più spazio possibile, a società, associazioni e discipline sportive compatibili con quel palazzetto.
È questa la strada da seguire secondo Francesco Apperti e Norma Naim, consiglieri comunali di Speranza per Caserta, all'indomani della sanzione dell'Anac comminata al Comune di Caserta «accusato» di aver violato il Codice degli Appalti. Erano stati proprio loro a denunciare l'avvenuto affidamento alla Volalto in assenza di una gara d'appalto nonostante la presenza di una concessione di servizi. «La storia non finisce qui dicono Apperti e Naim - il documento dell'Anac chiarisce la situazione, ma non ha effetti diretti. Valuteremo con ll'avvocato Paolo Centore, che ringraziamo per averci brillantemente assistiti, i passi da compiere». I consiglieri si dicono molto soddisfatti «che sia stato sancito, in via ufficiale, ciò che era già fin troppo chiaro». «Abbiamo dovuto subire, - spiega Apperti - da un lato i silenzi assordanti del sindaco e le vacue risposte del suo assessore al Patrimonio, rimasti inerti nonostante le nostre ripetute sollecitazioni; dall'altro le squallide minacce dell'allora presidente della Volalto, che arrivò non soltanto ad annunciare querela, ma addirittura a chiedere con forza il mio arresto, in quanto reo di voler ostacolare la crescita dello sport casertano, e di infangare il nome e l'onore della sua famiglia. Noi intendevamo, come sempre, soltanto ripristinare il rispetto delle regole e difendere le già disastrate casse comunali dall'ennesimo danno erariale».
Per Apperti e Naim «sono diversi gli aspetti su cui bisogna ancora far luce: il presidente di Volalto, Nicola Turco, ha versato i canoni per allenamenti e partite, e quelli per la gestione del Palavignola poi affidatogli, finalmente, con bando di gara nel febbraio 2020? È ancora valido tale affidamento, visto che la società Volalto 2.0 risulta aver cessato la sua attività ? Come sono stati spesi i 500mila euro stanziati per le Universiadi 2019? E l'immobile «ex mensa Saint Gobain», che si trova proprio di fronte al Palavignola e per il quale è stato indetto nel 2018 un bando per la riqualificazione vinto sempre da Turco, perché dopo tre anni è ancora in condizioni di fatiscenza?».
© RIPRODUZIONE RISERVATA