MENU
Chiudi
10/12/2018

Viale: «Con il privato al Saint Charles prestazioni pi ù efficienti a minor costo »

Il Secolo XIX

L'OSPEDALE DI BORDIGHERA
L'assessore regionale alla Sanit à : garanzie sul Pronto soccorso, questo sistema funziona gi à in altre zone d'Italia
Paolo Isaia / BORDIGHERA « Con lo stesso personale e una riduzione dei costi prevista nell'offerta che ha presentato, il privato garantir à non solo il ripristino del Pronto soccorso ma anche ser vizi più efficienti in tutto l'ospedale di Bordighera » . Cos ì l'assessore regionale alla Sanit à Sonia Viale risponde alle numerose perplessit à sulla privatizzazione del Saint Charles sollevate da sindaci, cittadini, organizzazioni sindacali, all'indomani dall'affidamento della struttura alla Iclas di Rapallo del Gruppo Villa Maria. Affidamento "in via provvisoria " , definizione sulla quale la Viale mette un punto fermo. «È semplicemente quanto dice il Codice degli appalti, che prevede 35 giorni di tempo per eventuali ricorsi » . Una volta a regime, la gestione durer à 7 anni, prorogabili per altri 5. Parliamo di costi. La Iclas si è aggiudicata l'appalto per poco meno di 13 milioni 400 mila euro all'anno, applicando un ribasso d'asta del 10 per cento. Per il Saint Charles, dunque, si spender à meno di prima: come sar à possibile garantire servizi migliori? « La parola chiave è "efficientamento " , una modalit à con cui tutto il sistema privato di gestione del bene pubblico è in grado di garantire lo stesso servizio, e migliorarlo. Certo, siamo di fronte a una novit à per la Liguria, ma questo sistema è gi à collaudato, e funzionante, in Piemonte, Lombardia, Toscana, Veneto, Lazio, e la stessa esperienza esiste in campo internazionale » . Lo stesso criterio, per l'assessore Viale, vale anche per il Pronto soccorso. « La cifra di un milione 900 mila euro della spesa totale è destinata esclusivamente al passaggio a Pronto soccorso dell'attuale Punto di prima emergenza, un impegno che il privato è obbligato a garantire. La Regione, ovviamente, effettuer à tutti i controlli, anche questi obbligatori » . Capitolo personale. Il bando di gara prevede per il Saint Charles la conferma dell'80% dei posti di lavoro, il rimanente 20% verr à distribuito nelle altre strutture sanitarie della provincia. « Come per il Pronto soccorso, anche per il personale ci sono precise garanzie, questi due temi sono gi à stati affrontati un anno fa, erano la prima preoccupazione della Regione. Lo ripeter ò anche in Consiglio comunale a Bordighera (il 13 dicembre, ndr), e domani (oggi, ndr. ) a Sanremo » : alle 15.30, all'Ariston Roof, l'assessore Viale e il presidente del Consiglio regionale Alessandro Piana illustreranno "La sanit à nel Ponente ligure nel Piano socio sanitario " , incontro in cui si parler à , oltre che di Saint Charles, anche di ospedale unico. Non solo. « Sulla privatizzazione è gi à stato avviato un tavolo con i sindacati, c'è gi à stato un incontro con i rappresentanti regionali, il 16 dicembre ce ne sar à un secondo con i rappresentanti provinciali » . « Forse - conclude Sonia Viale - non tutti hanno colto appieno la reale portata del cambiamento in atto a Bordighera, cos ì come ad Albenga e Cairo Montenotte. Siamo davanti a una straordinaria opportunit à di sviluppo economico che mi auguro l'intera comunit à e gli imprenditori locali sapranno cogliere. Il Saint Charles diventer à una delle più grandi aziende presenti nel Ponente ligure, la cui missione è quella di curare le persone, in un territorio dove c'è la richiesta di qualit à di vita legata all'et à avanzata. È un cambio di passo molto forte proprio nell'ottica anche della "silver economy " , in grado di muovere f lussi di persone che cercano un'elevata qualit à di determinati servizi » . - c BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI FOTO PECORARO

Foto: Il gestore privato dovr à garantire i livelli occupazionali al Saint Charles. A destra, l'assessore Sonia Viale davanti all'ospedale

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore