MENU
Chiudi
09/11/2018

VIABILITÀ ROVIGO Sono stati una settantina i parte…

Il Gazzettino

VIABILITÀ
ROVIGO Sono stati una settantina i partecipanti all'incontro di mercoledì sera per la raccolta di idee in merito alla soluzione dei disagi di via Munerati. Dai residenti alle associazioni, tutti coloro che sono coinvolti nella difficile situazione viaria si sono ritrovati per raccogliere alcune proposte per ovviare alla parziale chiusura della strada tra Cantonazzo e Granzette. Due le soluzioni che verranno sottoposte alla valutazione del Comune: la prima prevede la sistemazione di via Roverello Busa e la sua trasformazione a senso unico per chi proviene da via Amendola, la seconda è l'asfaltatura di quello che è conosciuto come il Ponte della Colombara. In quest'ultimo caso si tratterebbe di un pezzo di strada bianca che costeggia l'Adigetto, che collegherebbe via Roverello Busa con via Grandi, la strada delle industrie vicino il casello autostradale della A13.
L'IMPEGNO DI MASIN
Una riunione convocata dal consigliere comunale Matteo Masin (Coscienza Civica), che giudica positivamente quanto si è detto: «I dibattito è stato pacato: il sindaco Massimo Bergamin, che ha deciso di essere presente per rivendicare la bontà della decisione di limitare il traffico istituendo unico senso di marcia, ha confermato l'interesse a cercare una soluzione che possa essere la più condivisa possibile. In gioco ci sono la necessità di ridurre al minimo il disagio ai residenti e l'obbligo di garantire la sicurezza degli stessi e di quanti altri si trovino a transitare: è stato questo il filo conduttore della serata, ovvero trovare in tempi rapidi, delle soluzioni perché la frazione si sente schiava della situazione che si è venuta a creare dopo il quarto cedimento della condotta fognaria che passa sotto la dorsale di via Ottavio Munerati».
IL SINDACO
Ha preso parte all'incontro anche il primo cittadino, che ha detto: «Questo incontro ha avuto la finalità di raccogliere idee e suggerimenti da trasferire agli assessori competenti, Luigi Paulon per la Viabilità e Antonio Saccardin per i Lavori Pubblici. Conosco i problemi di quando ti chiudono una strada, ma d'altra parte io ho agito privilegiando la sicurezza. Ci sono tempi legati al Codice degli appalti, i problemi non hanno un colore politico: io sono qua per ascoltare».
VORAGINI SULL'ASFALTO
Dopo l'ultima voragine venutasi a creare a settembre, si è definitamente scoperto che le tubature sottostanti la sede stradale di via Munerati hanno eroso, a causa di una perdita idrica, l'asfalto. Per questo motivo, inizialmente, i residenti erano stati autorizzati a circolare solo a senso unico, in di direzione Concadirame, e con limite massimo di velocità fissato ai 30 chilometri orari. Successivamente, però, la viabilità è stata invertita, consentendo la percorrenza dei mezzi solo da Cantonazzo verso Granzette e Rovigo, con circolazione solo su metà della carreggiata. Il problema si aggrava con la modifica del senso di marcia della vicina via Casalveghe, la strada che da via Amendola porta a Concadirame, sempre a causa di un intervento alle condotte fognarie. Si è venuto così a creare un percorso di circa 10 km a senso unico, per cui per raggiungere il centro di Concadirame si può accedere da via Amendola, mentre per raggiungere Rovigo dalla frazione e da Cantonazzo si può utilizzare solo via Munerati in uscita. Altrimenti c'è sempre via Roverello Busa, una strada bianca non asfaltata.
Alberto Lucchin

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore