scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
06/04/2021

Via Sclavons e il Moro Gare d’appalto al via

Messaggero Veneto - Milena Bidinost

Si tratta della rotatoria e dell'ultimo lotto della palestra La giunta: due opere importanti, investiamo 1,6 milioni cordenons
Milena Bidinost / cordenonsAl via due gare per la realizzazione di altrettante opere tra le più corpose del mandato del sindaco uscente, Andrea delle Vedove. Si tratta del secondo e ultimo lotto della palestra alle spalle del Centro culturale Aldo Moro e della rotatoria di Sclavons, un'opera molto attesa per la viabilità cittadina. «Rappresentano l'ultima tappa di due percorsi complessi - commenta l'assessore ai lavori pubblici, Giuseppe Netto -. Per la palestra ci siamo scontrati con la difficoltà di reperire le risorse necessarie per la sua conclusione senza indebitare ulteriormente il Comune, attingendo quindi alle risorse erogate dalla Regione. Nel caso della futura rotatoria le difficoltà, invece, sono state determinate da un iter espropriativo che si è rivelato lungo e articolato». «Complessivamente - prosegue Netto - stiamo parlando di due bandi di gara per un investimento complessivo di 1,6 milioni di euro che, una volta espletate le procedure, permetteranno di attivare i due cantieri per l'inizio dell'estate». Il primo lotto della palestra del Moro fu realizzato dalla giunta del sindaco Carlo Mucignat tra il 2009 e il 2011 con 900 mila euro di contributo regionale. Questo secondo lotto, che completerà l'opera, aprendola alle società sportive, ne costerà altri 800 mila, anche questi coperti da contributo regionale chiesto e ottenuto dalla giunta Delle Vedove.Porta invece interamente la firma dell'amministrazione in carica la nuova rotatoria che sarà realizzata di fronte al liceo artistico Galvani, all'incrocio tra via Sclavons, via San Francesco e via Vial di Sclavons. L'investimento ammonta a 800 mila euro, di cui 560 mila di contributo regionale. L'intervento prevede anche l'acquisizione al demanio comunale dei due edifici privati all'angolo dell'intersezione tra via Sclavons e via Vial di Sclavons, che saranno poi parzialmente abbattuti. La rotatoria metterà in sicurezza l'intersezione, curando anche l'estetica del sito, razionalizzando i parcheggi esistenti e creandone di nuovi.«Vedere finalmente le ruspe in azione e le impalcature montate sarà il coronamento di un lavoro invisibile all'esterno - rimarca Netto - e che molto spesso viene sottovalutato, ma che rappresenta la parte più difficile di un'opera pubblica. Ideare, pianificare, trovare le risorse sono fasi molto complesse che richiedono tempi spesso incomprimibili. Ci aspettiamo, ovviamente, commenti dell'opposizione che non mancherà di sottolineare invece il fatto che realizziamo tutto questo alla fine del nostro mandato per garantirci maggiore visibilità. Ma così non è». «Le critiche sollevate ad arte - conclude l'assessore Giuseppe Netto - non ci toccano, siamo invece molto soddisfatti del percorso che abbiamo fatto, pur consapevoli che molte cose rimangono ancora da fare e per le quali però abbiamo già posto basi solide su cui costruire». --© RIPRODUZIONE RISERVATA