scarica l'app
MENU
Chiudi
09/06/2020

Via delle Foibe, ora riparte l’iter

Corriere Adriatico

Tiene ancora banco la vertenza tra Comune e privato per la strada
IL CASO
PORTO SANT'ELPIDIO Riparte ex novo l'esproprio in via Martiri delle Foibe con variante e indagine geologica, l'appalto dei lavori è saltato, l'iter si allunga. Nella determina dei lavori pubblici si legge tutta la pratica sulla strada che non riesce a mettere d'accordo pubblico e privato. L'iter era stato avviato nell'ottobre 2016 con l'approvazione del progetto di fattibilità in giunta che, due mesi dopo, approvava il progetto definitivo e avviava la procedura espropriativa per 295 mila euro, ma sulla strada dei lavori s'è inserita la proprietà e ne è scaturito un contenzioso amministrativo che in primo grado al Tar dava ragione al Comune, considerando l'esproprio legittimo.
Quindi la proprietà impugnava la sentenza del Tar e il Consiglio di Stato il 25 febbraio 2019 sospendeva la sentenza. I lavori si sono dovuti stoppare, anzi, non sono cominciati. Ora l'iter riprende la pratica dall'inizio e bisogna vedere come si metterà con i privati, finora insoddisfatti sulla cifra proposta dal Comune per appropriarsi di una parte di terreno necessario ad allargare la carreggiata che collega la principale arteria del quartiere San Filippo, alle scuole e all'asilo. Sono 24 famiglie in attesa dell'opera di urbanizzazione, illuminazione pubblica, fogne e marciapiedi.
© RIPRODUZIONE RISERVATA