scarica l'app
MENU
Chiudi
01/08/2020

Via ai lavori sulla Comunale «Combattiamo l’isolamento di trentamila abitanti» Ieri il sopralluogo dell’assessore Giampedrone in val di Vara. Ultimatum al Ministero: «Per le rampe sull’A12, pronti a intervenire in emergenza» la strada fra bolano e podenza

Il Secolo XIX - Laura Ivani

Laura Ivani / Bolano«Stiamo combattendo contro l'isolamento di 30 mila abitanti. Con il ripristino della strada comunale tra Bolano e Podenzana, ma ci auguriamo presto anche con la realizzazione delle rampe sulla A12, per le quali però non abbiamo avuto alcuna risposta. Entro una settimana, se il Ministero continuerà a tacere, valuteremo se preparare le carte per intervenire in via emergenziale anche su quel fronte». L'assessore alle infrastrutture della Regione Liguria Giacomo Giampedrone ieri ha dato il via all'intervento di messa in sicurezza della comunale che collega la Val di Vara all'alta Toscana, separate da quasi quattro mesi dal crollo del ponte di Albiano Magra. «Questa è la prima opera che viene fatta per dare risposta al territorio - ha sottolineato Giampedrone -. Ed è la dimostrazione che, quando le istituzioni lavorano bene insieme, possono arrivare a risultati veloci anche con l'attuale codice degli appalti». La Regione ha messo a disposizione le risorse, mentre Anas che è la proprietaria del ponte crollato ad Albiano si occuperà della realizzazione dell'opera attraverso una ditta specializzata. Un accordo che risponde alla richiesta di aiuto dei Comuni di Bolano e di Podenzana, dopo che il Ministero aveva negato lo stato di emergenza per il territorio ligure a seguito del crollo dell'8 aprile. Ma l'emergenza, dal punto di vista della viabilità, ricade tutta sullo Spezzino. A Ferragosto, la speranza è anche prima, la strada riasfaltata diventerà un "bypass" importante in caso di emergenza tra le due valli. Non la soluzione ai problemi di collegamento, ma un passo avanti. «L'intervento realizzato da Anas su richiesta della Regione e del Comune di Bolano - spiega Barbara di Franco di Anas Liguria - consiste nel rifacimento della pavimentazione di una carreggiata, che varia tra i 5 e i 7 metri, per una lunghezza di 1100 metri. Regolarizzeremo il fondo, tramite il pacchetto di fondazione, e la realizzazione della nuova pavimentazione stradale». I lavori sono realizzati dalla ditta Pavitecna di Carasco, ieri già al lavoro durante il sopralluogo: per l'impresa era presente il responsabile Fabio Franco. «Un intervento che era atteso da almeno dieci anni, questa strada era stata aperta negli anni Settanta ma un decennio fa - ricorda il vicesindaco di Bolano Paolo Adorni - la sua manutenzione venne realizzata con asfalto ecologico, che si deteriorò in poco tempo. Grazie alla sinergia con la Regione Liguria, dopo la messa in sicurezza del tratto, attiveremo anche un cantiere su un cedimento che da anni grava sulla comunale». Una strada importante anche dal punto di vista turistico. Da lì passa anche l'Alta Via dei Monti Liguri. La Regione aveva messo a disposizione del Comune per la frana 190 mila euro, cui l'ente locale aveva aggiunto un cofinanziamento di 50 mila. Per il rifacimento degli asfalti, ora in atto, sul piatto sono stati messi in totale 330 mila euro dal fondo strategico regionale. Nei prossimi giorni la Regione tornerà a bussare alle porte del ministero delle Infrastrutture: un ultimatum, per la realizzazione delle rampe sulla autostrada A12 a Ceparana e Santo Stefano. Poi, se non ci sarà riscontro, la Regione potrebbe fare un atto di forza e intervenire in emergenza. --© RIPRODUZIONE RISERVATA