scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
04/03/2021

Via ai bandi da 43 milioni per sostenere 320 mila imprese

La Repubblica - tiziana cozzi

La Camera di commercio
Quarantremilioni per le imprese.
La Camera di commercio lancia un bando con un'iniezione di fiducia concreta per la rinascita. E il gesto cancella anche le ruggini con l'unione Industriali che subito plaude all'iniziativa. «Il 2021 sia un anno di vaccini ma anche di ripartenza dell'economia» auspica il presidente della Camera di commercio Ciro Fiola, presentando l'attivazione dei primi bandi, suddivisi in macro-voci di spesa, raggruppate in due quadri distinti, uno per l'emergenza e la crisi in seguito alla pandemia, l'altro orientato allo sviluppo. Le destinatarie sono le 320mila imprese di Napoli e provincia associate all'ente camerale.
«Un importante risultato, che avrà una ricaduta tangibile sull'economia del territorio di Napoli e provincia - spiega Fiola - è stato possibile grazie alla collaborazione e al contributo delle associazioni datoriali, della cooperazione e del sindacato». Nelle parole di Fiola, l'assist a Palazzo Partanna.
«Il cambio di passo di questo ente è nella parola collaborazione.
L'obiettivo deve essere comune, chi rappresenta le imprese non può dividersi o pensare di fare politica sulla pelle degli associati. Bisogna remare tutti nella stessa direzione, perché solo insieme il sistema si può rilanciare. Chi non comprende questo atteggiamento, diventa marginale e non produttivo.
Nelle prossime settimane saranno pubblicati i bandi e mi auguro che si inizi a invertire la rotta, uscendo dalla crisi e immaginando il 2021 oltre che come l'anno dei vaccini anche come l'anno della ripartenza».
Un assist raccolto subito dal presidente degli industriali Maurizio Manfellotto: «Un primo passo importante per l'auspicato rilancio di un'azione istituzionale a sostegno del territorio - afferma - i prossimi bandi della Camera di Commercio possono fornire un contributo per affrontare l'emergenza economica, ingigantita dalla pandemia, a Napoli e nella sua area metropolitana. Crediamo che il ruolo dell'ente camerale sia rilevante, specie in una fase delicatissima come quella che stiamo attraversando, cittadini e imprese». Insomma, per la ripartenza è necessario percorrere la stessa strada e aiutarsi l'un l'altro. Così, si disotterra l'ascia di guerra, impugnata con la elezione di Fiola alla presidenza. «È importante utilizzare al meglio le risorse disponibili - prosegue Manfellotto - sia ricercare punti di convergenza per rappresentare le istanze dell'impresa napoletana presso i tavoli istituzionali e le altre forze sociali. Dobbiamo saper esprimere una visione dello sviluppo del territorio che metta a fattore comune spirito d'impresa, tradizione artigianale e made in Naples, università e centri della ricerca e dell'innovazione tecnologica. Per conseguire l'obiettivo, è necessaria la coesione tra gli operatori economici e le istituzioni locali».
- ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Foto: kPresidente Ciro Fiola, presidente della Camera di commercio