scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
10/04/2021

Vertice in Provincia sui rifiuti, si torna al contratto di servizio con IrpiniAmbiente

Il Mattino

ARIANO IRPINO
Vincenzo Grasso
C'è davvero una svolta nella gestione del ciclo dei rifiuti in città. IrpiniAmbiente sta per concludere la procedura di revoca della sub concessione del servizio alla De Vizia Transfer con l'intento di riassumerlo in proprio. Ma non solo. Riorganizzerà l'intero servizio sul territorio, incrementando la raccolta differenziata, eliminando le criticità legate al funzionamento delle isole ecologiche, istituendo un numero verde per le segnalazioni di inadempienze e proponendo l'applicazione di un'app per le nuove modalità organizzative. È questo il risultato di un vertice svoltosi ad Avellino al quale hanno partecipato il presidente della Provincia, Domenico Biancardi, il presidente dell'Ato, Valentino Tropeano, il sindaco di Ariano Irpino, Enrico Franza e il vice, Carmine Grasso, l'amministratore unico di IrpiniAmbiente Antonio Russo e il direttore generale, Armando Masucci. «Finalmente - spiega il vice sindaco di Ariano, Carmine Grasso - sono state sgomberate dal tavolo tutte le incertezze legate alla gestione del ciclo dei rifiuti. Si torna al contratto stipulato con IrpiniAmbiente nel 2019». Un provvedimento, questo, che soddisfa anche la minoranza, che aveva chiesto proprio la revoca del sub appalto nel consiglio di mercoledì.
Nel corso dello stesso consiglio comunale la maggioranza ha respinto, inoltre, la richiesta del capogruppo del Patto Civico Marcello Luparella di revoca e modifica del bando per la concessione dei contributi per le zone rosse. Secondo l'assessore alle Finanze Antonio Ninfadoro il bando emesso va considerato solo esplorativo per comprendere la platea dei possibili beneficiari. Intanto, però, sul tema, da parte di alcune associazioni di categoria è stata indirizzato al sindaco Franza una richiesta urgente di convocazione della Consulta per le Attività Produttive. Per Marco La Carità dei Moderati per Ariano «c'è finalmente anche il via libera in consiglio comunale ad utilizzare fondi residui, pari a 62 mila euro, per la sistemazione delle tribune del campo sportivo Renzulli». Ok anche alla progettazione di lavori di manutenzione straordinaria di Creta. Non è passata, invece, la richiesta del consigliere Daniele Tiso per un bando per il secondo lotto di ampliamento del cimitero. Mentre una pregiudiziale presentata dal Giovanbattista Capozzi (M5s) ha bloccato la richiesta di La Carità sul cambio di destinazione d'uso del centro fieristico di Casone.
© RIPRODUZIONE RISERVATA